Salvini in festa: abbattuta una casa abusiva in un campo Sinti

Salvini in festa: abbattuta una casa abusiva in un campo Sinti

Salvini oggi ha fatto festa: «Questa mattina a Carmagnola (Torino), dove amministra la Lega, è stata abbattuta una casa abusiva in un campo Sinti non autorizzato. Dalle parole ai fatti.»

Salvini ha potuto soddisfare il suo senso di legalità, senza problemi... mica si stava parlando dei soldi della Lega! Con il solito stile che lo contraddistingue, osannato da dei decerebrati che hanno riposto il cervello non nella testa ma dove sono soliti sedere, Salvini promuove la sua campagna per il censimento dei Rom postando sul suo profilo Facebook una notizia che dimostrerebbe la scarsa abitudine dei nomadi a seguire la legge... come se nessuno in Italia finora non avesse mai costruito una casa abusiva.



Il salviniano doc, una "razza" in via di forte espansione, si dice stupito del perché "Matteo" - sono tutti amici tra loro - non dovrebbe censire i Rom. E noi ITALIANI non abbiamo fatto il censimento? E perché non dovrebbero farlo anche gli altri? Perché anche gli "altri", essendo pure loro cittadini italiani sono già stati registrati allo stato civile e, pertanto, censiti.

Eppure tutti i cittadini dovrebbero avere pari dignità sociale ed essere considerati uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Nonostante questo, Salvini vuole identificare i Rom italiani in base alla loro etnia... come fece un altro tizio prima di lui - anch'egli osannato dalla folla che però qualche anno dopo lo appese per i piedi a testa in giù - con le leggi razziali che vennero applicate agli ebrei e che servirono per compilare le liste per la loro deportazione.

Ma c'è qualcuno in grado di riportare alla ragione questo personaggio che agisce solo a fini propagandistici ed elettorali per soddisfare la pancia dei soliti cretini che pensano che i mali dell'Italia dipendano da chi è (tenuto) ai margini della società?

Pare di no. Ma la Lega non avrebbe dovuto occuparsi di far approvare la flat tax e di abolire la Fornero? Dove stanno questi provvedimenti? Qualcuno ne ha sentito parlare? Ma agli italiani non sembra importare.

E neppure agli alleati di governo che dicono di darsi da fare per inaugurare provvedimenti che cambieranno la vita degli italiani, ridando loro dignità, purché sia una dignità a costo zero. Ma i 5 Stelle non dovevano approvare il reddito di cittadinanza? Quello è rimandato al prossimo anno!

Intanto, però, si affannano a giustificare i respingimenti di Salvini inventandosi che sono nel contratto di governo oppure a tacere sulla "schedatura" dei Rom, in attesa di trovare un'interlinea, un paragrafo, una spaziatura per inserirla nel contratto... visto che non c'è. Mica si può dispiacere al proprio alleato!

E le opposizioni? Ci penseranno le opposizioni a denunciare questo stato di pre-fascismo che ormai ha affatato mezza Italia? Come no... il problema è che non esistono, dato che sono rappresentate da un partito, il Pd, che è stato preso in ostaggio da un personaggio, Matteo Renzi, che dopo aver perso tutte le elezioni possibili e immaginabili ha evitato in tutti i modi possibili e immaginabili qualsiasi discussione interna, pur di rimanere alla guida del partito, nonostante abbia fatto finta di non esserne più il segretario.


E che cosa fa Matteo Renzi? Si indigna dai tetti di Firenze per le scelte di Salvini. Ma come può convincere gli italiani del perché Salvini stia sbagliando quando gli italiani non lo hanno votato per le leggi e le riforme assurde che lui ha voluto in questi ultimi anni?

Il tanto intelligente e avveduto Matteo Renzi a questo non ha pensato e neppure la sua ossequiosa corte... così l'altro Matteo, quello lombardo, potrà continuare a prendersela con i neri, i rom... in attesa, una volta finito con loro, di trovare nuovi nemici da dare in pasto ai suoi amici.

Proprio un vero cambiamento nel modo di governare. Peccato sia alquanto vecchio e per nulla buono.

Categoria Politica
Attendere...