Cresce l’investimento in native advertising, tra opportunità e diffidenze

Cresce l’investimento in native advertising, tra opportunità e diffidenze

La native advertising ha uno scopo preciso: rendere meno invasiva possibile la pubblicità, tanto più che secondo degli studi la maggior parte degli internauti usa gli ad blocker. Sempre più soggetti business, specie se operano nel campo dei media o dell'editoria, così ricorrono a forme di pubblicità "contestualizzata".  

Altre informazioni da un'ulteriore fonte
virginiad
nella categoria Scienza e Tecnologia
Attendere...