Marco Carra: allarme hacker sui dati sanitari personali

Marco Carra: allarme hacker sui dati sanitari personali
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Qualche anno fa comperare qualcosa online era considerato pericoloso per via del possibile furto dei dati connessi ai bancomat o ai profili bancari. Oggi il mercato nero dei dati clinici dei pazienti considerato 20 volte più prezioso di quelle delle carte di credito e non esistono attualmente sistemi di sicurezza completamente affidabili per il riconoscimento del furto 'in atto' del dato: il grido di allarme è stato lanciato da un gruppo di esperti di sicurezza informatica.
L'allarme - lanciato nei mesi scorsi a livello internazionale da varie ricerche, da Deloitte a TrapX - ha stimato che circa il 94% dei 5600 ospedali americani è stato soggetto ad attacchi dei pirati informatici: i due maggiori cyberattacchi ai cloud di due reti mediche statunitensi, Banner Health e a Newkirk, hanno generato il furto di dati medici di oltre 7 milioni di cittadini americani ed oggi questa deriva della criminalità informatica sta inesorabilmente arrivando anche in Europa e in Italia, con hackers che rubano dati con scopi di "riscatto digitale" ("se rivuoi i tuoi dati, paga") ma che nel futuro potrebbero rivendere i dati a compagnie private, se non addirittura utilizzarli per una mappatura internazionale dei trend epidemiologici e clinici.

avvmarcocarra
nella categoria Politica
Attendere...