NON E' IL MOMENTO DI PARLARE, QUESTO - Il Premier Renzi per la prima volta nel suo mandato si "scontra" con la sofferenza e la fatica di vivere (o morire)

NON E' IL MOMENTO DI PARLARE, QUESTO - Il Premier Renzi per la prima volta nel suo mandato si scontra con la sofferenza e la fatica di vivere (o morire)

Si è recato sui luoghi del disastro sismico, il Premier Renzi, come fa ogni capo di governo quando accade qualcosa di importante e doloroso.

E come dovrebbe fare - in teoria - ogni buon "padre di famiglia", quando un familiare ha bisogno di aiuto.

Si è recato sui luoghi del disastro, per la prima volta nella storia del suo mandato, obbligato a doversi confrontare con quella che è la vita vera, difficile di ogni italiano, ogni giorno, resa tragica da un fato che insiste nell'accanirsi.

Ha visto con i suoi occhi i cumuli di macerie, i cani cerca persone annusare e scavare, i soccorritori usare anche la mani nude, nella frenetica corsa alla ricerca di qualcuno vivo.

Ha visto la corsa disperata con i feriti tra le braccia, quando qualcuno si trova ancora vivo; e ha visto la disperazione dei parenti, piangere i propri morti.

Ha letto lo smarrimento della gente che si guarda intorno, in quel prendere consapevolezza a poco a poco che nulla è più come prima.

E ha avuto la saggezza, Matteo, di non rilasciare dichiarazioni di sorta.

Davanti a quel dolore, a quella devastazione e disperazione, un pugno diretto allo stomaco lo ha ricevuto anche lui.

catiadag
nella categoria Cronaca
Attendere...