Il discorso per la riconciliazione in Colombia tenuto da Papa Francesco a Villavicencio

Il discorso per la riconciliazione in Colombia tenuto da Papa Francesco a Villavicencio

«Fin dal primo giorno desideravo che venisse questo momento del nostro incontro. Voi portate nel vostro cuore e nella vostra carne delle impronte, le impronte della storia viva e recente del vostro popolo, segnata da eventi tragici ma anche piena di gesti eroici, di grande umanità e di alto valore spirituale di fede e di speranza.

Lo abbiamo ascoltato. Vengo qui con rispetto e con la chiara consapevolezza di trovarmi, come Mosè, a posare i piedi su una terra sacra. Una terra irrigata con il sangue di migliaia di vittime innocenti e col dolore lacerante dei loro familiari e conoscenti. Ferite che stentano a cicatrizzarsi e che ci addolorano tutti, perché ogni violenza commessa contro un essere umano è una ferita nella carne dell’umanità; ogni morte violenta ci "diminuisce" come persone.»

Queste le parole con cui papa Francesco ha iniziato il proprio intervento all'incontro di preghiera per la "riconciliazione nazionale", che si è tenuto al Parque Las Malocas di Villavicencio, uno dei momenti più attesi della visita pastorale in Colombia.

Parole quanto mai attuali, visto che nonostante la fine del conflitto tra Farc e forze armate colombiane, secondo molte Ong la violenza rimane ancora un grave problema in gran parte della Colombia, a causa di organizzazioni criminali e altri gruppi armati.

«La violenza genera violenza, l’odio genera altro odio, e la morte altra morte. Dobbiamo spezzare questa catena che appare ineluttabile, e ciò è possibile soltanto con il perdono e la riconciliazione concreta. E tu, cara Pastora, e tanti altri come te, ci avete dimostrato che questo è possibile. Con l’aiuto di Cristo, di Cristo vivo in mezzo alla comunità, è possibile vincere l’odio, è possibile vincere la morte, è possibile cominciare di nuovo e dare vita a una Colombia nuova.»

Commentando le parole di alcuni dei protagonisti vittime delle violenze nel Paese, Francesco ha ricordato che «risulta difficile accettare il cambiamento di quanti si sono appellati alla violenza crudele per promuovere i loro fini, per proteggere traffici illeciti e arricchirsi o per credere, illusoriamente, di stare difendendo la vita dei propri fratelli. Sicuramente è una sfida per ciascuno di noi avere fiducia che possano fare un passo avanti coloro che hanno procurato sofferenza a intere comunità e a tutto un Paese. È chiaro che in questo grande campo che è la Colombia c’è ancora spazio per la zizzania.

Non inganniamoci. Fate attenzione ai frutti: abbiate cura del grano e non perdete la pace a causa della zizzania. Il seminatore, quando vede spuntare la zizzania in mezzo al grano, non ha reazioni allarmistiche. Trova il modo per fari sì che la Parola si incarni in una situazione concreta e dia frutti di vita nuova, benché in apparenza siano imperfetti e incompleti.»

Nel cammino verso la riconciliazione, il Papa ha sottolineato l'importanza della verità, non come strumento di vendettta, ma come aiuto alla riconciliazione e al perdono. «Verità è raccontare alle famiglie distrutte dal dolore quello che è successo ai loro parenti scomparsi. Verità è confessare che cosa è successo ai minori reclutati dagli operatori di violenza. Verità è riconoscere il dolore delle donne vittime di violenza e di abusi.»

«Vorrei dire - queste, a fine discorso, le parole di Francesco - come fratello e come padre: Colombia, apri il tuo cuore di popolo di Dio e lasciati riconciliare. Non temere la verità né la giustizia. Cari colombiani: non abbiate paura di chiedere e di offrire il perdono. Non fate resistenza alla riconciliazione che vi fa avvicinare, ritrovare come fratelli e superare le inimicizie. E’ ora di sanare ferite, di gettare ponti, di limare differenze. E’ l’ora di spegnere gli odi, rinunciare alle vendette e aprirsi alla convivenza basata sulla giustizia, sulla verità e sulla creazione di un’autentica cultura dell’incontro fraterno.»

Fiorenza Gentileschi
nella categoria Esteri
Attendere...