Anche in Toscana una settimana dedicata a visite di controllo gratuite per gli ammalati di asma

Anche in Toscana una settimana dedicata a visite di controllo gratuite per gli ammalati di asma

Anche in Toscana prende il via la prima edizione di CONTROL’ASMA week, l’evento nazionale di consulenze specialistiche gratuite per persone affette da asma, che si svolgerà dal 5 al 9 giugno presso i Centri specialistici che hanno aderito all’iniziativa.

Promosso da FederASMAeALLERGIE Onlus - Federazione Italiana Pazienti, con il patrocinio della Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica (SIAAIC) e della Società Italiana di Pneumologia (SIP/IRS), e con il supporto non condizionato di AstraZeneca, CONTROL’ASMA week ha come obiettivo principale quello di offrire l’opportunità ai circa 3 milioni di persone che soffrono di asma nel nostro Paese, e tra questi circa 150 mila risiedono in Toscana, di effettuare una valutazione specialistica di controllo della malattia e ricevere informazioni utili, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi a un non adeguato controllo dell’asma.

Questo è il parere della prof.ssa Gianna Camiciottoli, Dipartimento di Scienze Biomediche, Sperimentali e Cliniche, Università degli Studi di Firenze, SOD Pneumologia e Fisiopatologia toraco-polmonare: «L’asma bronchiale è una malattia di rilevante impatto sanitario a livello nazionale e regionale per il numero di persone che ne sono colpite, anche in età pediatrica, per l'elevata morbidità e per la mortalità, nei casi più gravi.

L’asma è caratterizzata da crisi a insorgenza improvvisa che tendono a regredire spontaneamente o con l’assunzione dei farmaci. Se l'asma è ben controllata si può condurre una vita normale, senza sintomi e riducendo al minimo il rischio di pericolose riacutizzazioni o di modificazioni nel tempo della funzione respiratoria.»

Dall’indagine I sofferenti di asma, realizzata da GFK Eurisko in collaborazione con Humanitas University e AstraZeneca, solo il 32% dei pazienti rispetta la terapia farmacologica, mentre ben il 56% usa i farmaci solo quando ha un attacco e il 12% non segue alcuna terapia. Dato ancora più preoccupante, l’aderenza alla terapia da parte dei pazienti non aumenta con la gravità dell’asma.

Di valido aiuto, per il 50% degli intervistati sono gli strumenti elettronici (device, app, software ecc.) per il controllo dell’asma, considerati un ottimo supporto per seguire con regolarità la terapia prescritta dal medico. Anche le Linee Guida GINA (Global Initiative for Asthma), ritengono le app un fedele “alleato” per ricordare l’assunzione dei farmaci ad orari prestabiliti e verificare l’aderenza del paziente alla terapia e lo stato di controllo dell’asma.


Questi i centri in Toscana che hanno aderito all’iniziativa CONTROL’ASMA week

● AOU Careggi Pneumologia e Fisiopatologia Toracopolmonare, Firenze
● AOU Senese Policlinico S. Maria alle Scotte - UOC Malattie Respiratorie e Trapianto Polmonare, Siena
● Ospedale Apuane UO Pneumologia, Massa (MS)


Per prenotare una consulenza specialistica gratuita bisogna chiamare il Numero Verde 800 628989, già attivo dal 15 maggio, dal lunedì al venerdì (9-13 e 14-18).

Il Call Centre del Numero Verde individuerà con il paziente il Centro specialistico a lui più vicino e fornirà le opportune informazioni di contatto o procederà direttamente alla prenotazione dell’appuntamento.

CONTROL’ASMA week è reso possibile dall’opera volontaria prestata gratuitamente dagli Specialisti aderenti; per questo motivo, i posti disponibili presso ciascun Centro sono limitati (circa 40) e i calendari precisi per l’effettuazione delle visite di controllo (giorni e orari nella settimana dal 5 al 9 giugno) diversi da Centro a Centro.

Preso l’appuntamento, il paziente dovrà poi semplicemente presentarsi all’ora concordata presso il Centro scelto, senza l’impegnativa del Medico di famiglia. Il controllo gratuito dell’asma si svolgerà con le modalità che lo Specialista riterrà più opportune in base alla sua esperienza e alle caratteristiche di ciascun paziente, con o senza il supporto di esami strumentali (ad es. spirometria).

Al termine della consulenza, il paziente riceverà dallo Specialista un parere scritto, con l’eventuale indicazione di ulteriori approfondimenti e consigli per gestire al meglio la malattia. Infine, a ciascun paziente partecipante sarà consegnata una piccola guida informativa sull’asma.

Sandro Alioto
nella categoria Salute
Attendere...