Filippine, migliaia di morti e corruzione dilagante: il presidente sospende la "drug war"

Filippine, migliaia di morti e corruzione dilagante: il presidente sospende la drug war

Il presidente filippino Rodrigo Duterte è stato eletto promettendo di risolvere drasticamente il problema della diffusione degli stupefacenti.

Ma dopo diverse migliaia di morti - 7000 persone sono state uccise in seguito a 2250 operazioni antidroga - Duterte ha ammesso che il livello di corruzione all'interno della Polizia è insostenibile. In base a quanto da lui dichiarato, il 40% del corpo di Polizia sarebbe corrotto e, per questo, è stato definito "lousy as drug lords".

In conseguenza di ciò, Duterte ha annunciato una tregua per rielaborare la strategia per la lotta alla droga.

Per maggiori approfondimenti
Gabriele Ludovici
nella categoria Esteri
Attendere...