Dopo il ponte Morandi crolla anche Atlantia e la tragedia di Genova diventa un nuovo tema di scontro tra Governo del cambiamento e opposizione

Dopo il ponte Morandi crolla anche Atlantia e la tragedia di Genova diventa un nuovo tema di scontro tra Governo del cambiamento e opposizione

Il 15 agosto, Autostrade per l'Italia aveva diffuso la seguente nota per provare ad arginare le dichiarazioni che in successione venivano fatte dai vertici del Governo per annunciare, de facto, la revoca della concessione:

"In relazione all'annuncio dell'avvio della procedura di revoca della concessione, Autostrade per l'Italia si dichiara fiduciosa di poter dimostrare di aver sempre correttamente adempiuto ai propri obblighi di concessionario, nell'ambito del contraddittorio previsto dalle regole contrattuali che si svolgerà nei prossimi mesi.

E' una fiducia che si fonda sulle attività di monitoraggio e manutenzione svolte sulla base dei migliori standard internazionali. Peraltro non è possibile in questa fase formulare alcuna ipotesi attendibile sulle cause del crollo. Autostrade per l'Italia sta lavorando alacremente alla definizione del progetto di ricostruzione del viadotto, che completerebbe in cinque mesi dalla piena disponibilità delle aree.

La società continuerà a collaborare con le istituzioni locali per ridurre il più possibile i disagi causati dal crollo."


Giovedì, alla riapertura delle contrattazioni, Atlantia, l'azionista di Autostrade per l’Italia, ha visto crollare il titolo a Piazza Affari con un calo teorico, a causa dell'eccessiva variazione il titolo non faceva prezzo, di circa il 25%, con una perdita della capitalizzazione che si aggirava intorno ai 5 miliardi di euro di capitalizzazione a Piazza Affari. Anche le obbligazioni Atlantia sono in deciso ribasso. Ieri quelle con scadenza luglio 2027 erano in calo del 4,01%, mentre il bond da 700 milioni con scadenza settembre 2029 perdeva il 4,3% a 91,79.


Questa mattina continuano le dichiarazioni di propaganda del Governo. Ed il primo ad essere il più lesto ad inaugurare la giaculatoria di giornata contro Autostrade è stato Salvini che ha dichiarato: «Atlantia riesce ancora, con faccia di bronzo incredibile e con morti ancora da riconoscere, a parlare di soldi e di affari, chiedendo altri milioni agli Italiani in caso di revoca della concessione da parte del Governo dopo la strage di Genova.

Dall’alto dei loro portafogli pieni (e dei loro cuori vuoti) chiedessero scusa e ci dessero i nomi dei colpevoli del disastro, che devono pagare.

Il resto non ci interessa.»


Incredibilmente, ed è da sottolineare l'avverbio più volte, è stato Matteo Renzi, ovviamente finendo anche lui per trasformare il tragico fatto di cronaca in occasione di scontro politico e propaganda personale (Renzi non parla certo a nome del Pd, non essendone più il segretario), a sottolineare l'irrazionalità delle dichiarazioni dei vari ministri del Governo del cambiamento rilasciate nelle ultime ore:

«Nelle prime ore abbiamo chiesto a tutti di NON fare polemiche. Un Paese civile davanti a una tragedia del genere si unisce, non si divide. Confermo l'impegno. Tuttavia le parole di queste ore di alcuni membri del Governo impongono una puntuale replica su cinque punti. Su questi cinque punti va fatta chiarezza, altrimenti sembriamo complici.

1. Chi come Luigi Di Maio dice che il mio Governo ha preso i soldi da Benetton o Autostrade è tecnicamente parlando un bugiardo. Se lo dice per motivi politici invece è uno sciacallo. In entrambi i casi la verità è più forte delle chiacchiere: il mio Governo non ha preso un centesimo da questi signori, che non hanno pagato la mia campagna elettorale, né quella del PD, né la Leopolda. Utilizzare una tragedia per attaccare gli avversari, mentendo, dà il senso della caratura morale e politica del Vicepresidente del Consiglio.

2. Chi ha sbagliato deve pagare fino all'ultimo centesimo. Dire: "Revochiamo la concessione" fa aumentare i Like e fa esultare chi non conosce le carte. Ma governare è più complicato che scrivere post su Facebook: se revochi la concessione paradossalmente fai un regalo ad Autostrade. Perché devi pagare un sacco di soldi per revocare la concessione e perdi le opere pubbliche che servono e per le quali loro sono impegnati.
Già, perché quello che è chiaro è che va rifatto il Ponte Morandi, certo, ma va fatta anche la GRONDA. Ed è un preciso impegno di Autostrade. Si scelgano gli avvocati migliori per andare al contraddittorio con Autostrade. Si vada fino in fondo all'azione giudiziaria senza guardare in faccia nessuno. Chi ha sbagliato paghi tutto. Autostrade oggi ha il compito di pagare tutto, fino all'ultimo centesimo, a cominciare dalla Gronda: revocando la concessione, invece, Autostrade incassa e non paga. Fare la Gronda coi soldi destinati all'edilizia scolastica (come ha ipotizzato l'altro vicepremier, Salvini) sarebbe un autogol e un danno per tutti i Comuni. La Gronda va fatta SUBITO e va fatta con i denari di Autostrade.

3. Per favore: non facciamoci ridere dietro da mezza Europa. I vincoli dell'Unione Europea non c'entrano nulla. Il ponte crolla in Italia, non a Bruxelles. Le opere pubbliche in Italia sono bloccate dai ritardi della burocrazia e dai veti di chi dice sempre no, dalla comitatite. La flessibilità per fare le opere pubbliche c'è già. Bisogna fare ciò che è progettato e per i quali progetti i soldi ci sono già. A cominciare dalla Gronda, ma proseguendo con tutti gli impegni già presi dalla Tav agli aeroporti, dalle strade siciliane alle ferrovie calabresi. Da quando Toninelli è ministro tutti i grandi progetti sono stati bloccati. Se si bloccano i progetti, l'Italia crolla. Ed è ridicolo che il Movimento Cinque Stelle si affanni a cancellare dal web (impossibile, peraltro) ogni traccia delle proprie contraddizioni. Dicevano NO alla Gronda e definivano l'ipotesi del crollo del Morandi una FAVOLETTA. Non è una FAVOLETTA, è una Tragedia. Lo capite che adesso siete al Governo, non più al Vaffa Day?

4. Genova, già Genova. Vengono in mente le poesie di Caproni e le canzoni di De Andrè. Ma qui oggi servono solo i progetti. Immediati. Genova è in difficoltà da tempo e il Ponte Morandi rischia di essere il colpo di grazia. Per Genova servono INNANZITUTTO i lavori sul Bisagno (partiti con noi, stanno andando avanti anche con gli amministratori di un altro colore politico, bene!), gli investimenti sul Porto sbloccati da Delrio, il Terzo Valico e la Gronda. I soldi ci sono. Le opere vanno fatte. Punto.

5. Le prime scelte di questo Governo ci preoccupano: un Governo NoVax, NoTav, NoJobs. Qualcuno persino NoEuro. Almeno sulle Opere Pubbliche chiediamo di cambiare direzione. Continuare a dire NO a tutto non ci renderà un Paese più sicuro. Il nuovo Governo ha abolito le Unità di Missioni sul Dissesto Idrogeologico e sull'Edilizia Scolastica. Vi prego, RIPENSATECI: ve l'ho chiesto
anche in Aula, al Senato. Non è questione di destra o sinistra. Quelle strutture servono al Paese. Tra poco riaprono le scuole, tra poco arriva l'Autunno. Il progetto Casa Italia, sulla base di un'intuizione di Renzo Piano, era bipartisan. Rimettete in piedi SUBITO le Unità di Missione. Mettete chi volete voi a dirigerle, chiamatele come volete, ma fatelo subito. Saremo i primi ad applaudirvi pubblicamente.

Penso che quando ci sono dei momenti difficili tutti debbano collaborare. Noi oggi siamo opposizione ma in un momento come questo diamo la massima disponibilità a aiutare il Governo e tutte le Istituzioni. Si parta dalla verità, però, non dalle Favolette. E si vada avanti tutti insieme. Noi ci siamo.»


Tutto questo nonostante siano solo trascorsi tre giorni dal disastro.

Categoria Politica
Attendere...