Le antiche case romane - Parte 2

Le antiche case romane - Parte 2


Vai alla parte 1...

Edifici romani
Le strutture romane sembravano più edifici moderni in confronto alle controparti greche. Le strutture romane non erano solo file di colonne con un tetto; le colonne si mescolavano a solidi muri e archi. Nell'introduzione del suo trattato di architettura in dieci volumi, l'architetto romano Vitruvio stabilì le regole di base per un buon edificio: doveva essere funzionale, solido e delizioso.

Alcuni studiosi affermano che i romani presero elementi etruschi - l'alto podio e le colonne disposte a semicerchio - e li incorporarono nell'architettura del tempio greco. I templi romani erano più spaziosi dei loro omologhi greci perché, diversamente dai greci, che mostravano solo una statua del dio per cui era stato costruito il tempio, i romani avevano bisogno di spazio per le loro statue e armi che prendevano come trofei dalle persone che conquistarono.

Harold Whetstone Johnston ha scritto in "La vita privata dei romani": Le nostre fonti di informazione sono insolitamente abbondanti. Vitruviu ha lasciato un lavoro sulla costruzione, dando in dettaglio i propri principi di costruzione; le opere di molti scrittori romani contengono descrizioni uguali di parti di case o almeno numerosi suggerimenti e allusioni che sono collettivamente molto utili; e, infine, i piani di base di molte case sono stati scoperti a Roma e altrove, e a Pompei sono rimaste in piedi persino le mura di molte case. Vi sono ancora, tuttavia, nonostante la pienezza e l'autorità delle nostre fonti, molte cose riguardo alla sistemazione e alla costruzione della casa che sono incerte e contestate.


Differenze tra edifici romani e greci
Una delle principali differenze tra l'architettura greca e romana era che gli edifici greci dovevano essere visti dall'esterno e che i romani crearono enormi spazi interni che furono usati per molti scopi. I templi greci erano essenzialmente un tetto con sotto una foresta di colonne che erano necessarie per sostenerlo e non avevano sviluppato l'arco, la cupola o le volte con grande raffinatezza. I romani usarono invece questi tre elementi di architettura per costruire tutti i tipi di strutture: bagni, acquedotti, basiliche, ecc. La curva era la caratteristica essenziale: "i muri diventavano soffitti, i soffitti raggiungevano i cieli".

I greci dipendevano dall'architettura post-architrave mentre i romani usavano l'arco. L'arco ha aiutato i romani a costruire spazi interni più grandi. Se il Pantheon fosse stato costruito con metodi greci, l'ampio spazio aperto all'interno sarebbe stato sovraffollato di colonne.

A differenza dei greci che costruirono principalmente i loro edifici con pietra tagliata e cesellata, i romani usavano il cemento (una miscela di malta calcarea, ghiaia, sabbia e macerie) e mattoni rossi (spesso decorati con smalti colorati) oltre a marmo e blocchi di pietra per costruire i loro edifici.


Design: pubblico contro privato, aperto contro chiuso
L'architettura romana era orientata verso scopi pratici, creando spazi interni. Gli edifici romani sembravano pesanti all'esterno. Uno degli obiettivi principali era solo quello di creare ampi spazi interni.

Il design della casa romana è stato descritto come un equilibrio tra spazi chiusi contro spazi aperti o spazi pubblici contro privati. Andrew Wallace-Hadrill dell'Università di Reading ha sostenuto che le case romane non sono spazi privati come definiti in opposizione agli spazi pubblici, ma piuttosto spazi privati all'interno di spazi pubblici al servizio dei loro interessi. Sostiene che ha senso che i membri dell'élite impegnati nella vita pubblica avessero probabilmente bisogno di più aree pubbliche nella loro casa, mentre le persone di origine più umile avevano bisogno di più privacy.

Secondo il Metropolitan Museum of Art: Mentre le case dei nostri giorni spesso fungono più da una via di fuga dalle pressioni del mondo pubblico, aperte generalmente solo agli amici, nel mondo romano, la casa di un'élite era sia un rifugio privato e un centro per le transazioni commerciali. Come risultato di questa funzione pubblica, la decorazione e l'elaborazione architettonica furono di particolare importanza e la collezione di arte romana al Metropolitan Museum riflette questo ornamento domestico d'élite.


Insulae
Jana Louise Smit scrisse per Listverse: Le insulae erano costruzioni di appartamenti, ma di quelle che avrebbero angosciato un moderno ispettore della sicurezza. La maggior parte della popolazione romana viveva in questi tipi di edifici a sette piani. Erano ad alto rischi di incendio, di crollo e persino di inondazione. I piani superiori erano riservati ai poveri che dovevano pagare l'affitto giornalmente o settimanalmente. Lo sfratto era una paura costante per le famiglie che vivevano in una stanza senza luce naturale o servizi igienici. I primi due piani di un'insula erano riservati a coloro che avevano un reddito migliore. Pagavano l'affitto ogni anno e vivevano in più stanze con finestre.

Harold Whetstone Johnston ha scritto in "La vita privata dei romani": Prima della fine della Repubblica, a Roma e in altre città solo i ricchi potevano permettersi di vivere in case private. Di gran parte la maggior parte della popolazione cittadina viveva in condomini e case popolari. Questi erano chiamati insulae, un nome originariamente applicato agli isolati. A volte erano alti sei o sette piani. Augusto limitò la loro altezza a settanta piedi; Nerone, dopo il grande incendio del suo regno, stabilì un limite di sessanta piedi.

Le insule erano talvolta divise in appartamenti di più stanze, ma spesso venivano lasciate in stanze singole. Ad Ostia sono stati trovati resti di insule in cui ciascuno degli appartamenti superiori ha una propria scala. I piani terra erano regolarmente occupati da negozi. Il sovrintendente dell'edificio, che si occupava di esso e riscuoteva gli affitti, era uno schiavo del proprietario ed era chiamato insularius.


Sviluppo della casa romana

Le case antiche, per la maggior parte, erano fatte di mattoni essiccati al sole posti su una base di pietra, come nel mondo in via di sviluppo moderno. Le pareti e i tetti erano probabilmente sostenuti e rinforzati da travi, ma non possiamo dire con certezza perché le componenti di legno e fango si decompongono rapidamente, motivo per cui non ci sono quasi mai case di questo tipo nei siti archeologici. Generalmente solo templi e monumenti erano costruiti in marmo e pietra.

Continua...

 

Con il contributo di Le Pietre Srl

Attendere...