Per il Parlamento europeo Orban viola il rispetto della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani

Per il Parlamento europeo Orban viola il rispetto della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani

Judith Sargentini (Verdi/ALE, NL) ha chiesto che il Parlamento inviti gli Stati membri dell'UE ad avviare nei confronti dell'Ungheria la procedura stabilita nell'articolo 7, paragrafo 1, del Trattato sull'Unione europea per contrastare una minaccia ai valori fondanti dell'UE, tra cui il rispetto della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani.

Mercoledì il Parlamento ha votato sulla proposta della parlamentare olandese decidendo di dare il proprio consenso all'applicazione dell'articolo 7, paragrafo 1, nei confronti dell'Ungheria con 448 voti a favore, 197 contrari e 48 astenuti. Ora la parola passa al Consiglio europeo, organo formato dai capi di Stato e di governo dell'Unione.


Ecco che cosa dice l'articolo 7 del Trattato sull'Unione europea

1. Su proposta motivata di un terzo degli Stati membri, del Parlamento europeo o della Commissione europea, il Consiglio, deliberando alla maggioranza dei quattro quinti dei suoi membri previa approvazione del Parlamento europeo, può constatare che esiste un evidente rischio di violazione grave da parte di uno Stato membro dei valori di cui all'articolo 2. Prima di procedere a tale constatazione il Consiglio ascolta lo Stato membro in questione e può rivolgergli delle raccomandazioni, deliberando secondo la stessa procedura.

Il Consiglio verifica regolarmente se i motivi che hanno condotto a tale constatazione permangono validi.

2. Il Consiglio europeo, deliberando all'unanimità su proposta di un terzo degli Stati membri o della Commissione europea e previa approvazione del Parlamento europeo, può constatare l'esistenza di una violazione grave e persistente da parte di uno Stato membro dei valori di cui all'articolo 2, dopo aver invitato tale Stato membro a presentare osservazioni.

3. Qualora sia stata effettuata la constatazione di cui al paragrafo 2, il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può decidere di sospendere alcuni dei diritti derivanti allo Stato membro in questione dall'applicazione dei trattati, compresi i diritti di voto del rappresentante del governo di tale Stato membro in seno al Consiglio. Nell'agire in tal senso, il Consiglio tiene conto delle possibili conseguenze di una siffatta sospensione sui diritti e sugli obblighi delle persone fisiche e giuridiche.

Lo Stato membro in questione continua in ogni caso ad essere vincolato dagli obblighi che gli derivano dai trattati.

4. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può successivamente decidere di modificare o revocare le misure adottate a norma del paragrafo 3, per rispondere ai cambiamenti nella situazione che ha portato alla loro imposizione.

5. Le modalità di voto che, ai fini del presente articolo, si applicano al Parlamento europeo, al Consiglio europeo e al Consiglio sono stabilite nell'articolo 354 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Categoria Esteri
Attendere...