Al-Sisi ribadisce la pista della criminalità comune per la morte di Regeni

Al-Sisi ribadisce la pista della criminalità comune per la morte di Regeni

«I have no idea how President Abdel Fattah Al-Sisi will justify his government’s unacceptable management of the country’s crises during his expected speech on Wednesday».
Questo si domandava Emad El-Sayed, giornalista egiziano ed editore del Daily News Egypt.

Dall'account twitter del Daily News Egypt, di tale discorso, vengono riportate due dichiarazioni in cui Al-Sisi invia nuovamente le sue condoglianze alla famiglia Regeni ed ammette che sono stati gli Egiziani a creare un problema sull'omicidio del giovane italiano

Questo il testo dei due tweet:
"We, Egyptians, created a problem with the murder case of the young Italian man [Giulio Regeni]."

- President Abdel Fattah Al-Sisi.
Al-Sisi resends his condolences to the family of the Giulio Regeni.

Come spiegato poi dalle parole riportate su Repubblica, i problemi intesi da  Al-Sisi sono quelli relativi alla pubblicazione di accuse e bugie pubblicate dai media che  avrebbero ripreso, senza verificarle, le illazioni pubblicate sui social in cui gli apparati di sicurezza egiziani venivano indicati come responsabili di quanto accaduto a Giulio Regeni.

Quindi Al-Sisi ha riconfermato come Regeni sia stato ucciso da gente malvagia che vuole imbarazzare l'Egitto a livello internazionale, proprio mentre il paese cerca di rafforzare la sua posizione in tal senso, ricordando il supporto dell'Italia dopo la rivolta del 30 giugno e le ottime relazioni economiche tra i due paesi.

Matteo Pani
nella categoria Esteri
Attendere...