A pochi giorni dallo start del campionato, l'agente FIFA Luca Caporale ha fornito alcuni interessanti spunti sulla nuova stagione a cui stiamo per assistere.

Luca, il campionato è alle porte, assisteremo a qualcosa di diverso, rispetto alla solita minestra bianconera delle ultime stagioni?"Ho la sensazione che quest’anno ci saranno sorprese. Non tanto per il discorso di vertice, in quanto ritengo che il gap con la Juve da parte del Napoli ( e dell'Inter, nonostante un' ottima campagna acquisti ) sia ancora molto importante,  anche se bisogna valutare l'impatto che avrà Sarri con la sua nuova squadra e come ( e se ) saprà imporle le sue idee di gioco, rivoluzionando, di fatto, quanto i bianconeri fanno da anni, e cioè vincere anche senza convincere. Il Napoli si è rafforzato parecchio, ma a mio avviso, come le altre big italiane rimane ancora troppo debole sia per competere sul fronte tricolore  che in campo europeo. Ho paura che, salvo improbabili sorprese, la Juve tirerà in pace fino alla fine anche questo anno. Ritengo invece molto più interessante la lotta nelle zone centro-basse della classifica. Diverse squadre come Brescia, Cagliari, Verona, Lecce e Genoa si sono rafforzate e daranno vita ad un campionato sicuramente molto più combattuto ed equilibrato rispetto allo squallore delle ultime stagioni, con squadre retrocesse già alla fine del girone d'andata.

Nonostante manchino ancora dieci giorni di mercato, per provare a ridurre questo gap?"Temo di si. Credo infatti che ormai i giochi siano fatti, e i botti siano stati sparati. Non penso ci saranno operazioni di rilievo, ma solo chiusure di trattative marginali. L'unica operazione maiuscola che aspetto è l’operazione Icardi, vista l'impossibile coesistenza con Conte."

Ecco una situazione assurda: l'Inter si ostina a cercare un attaccante da affiancare a Lukaku ed intanto caccia via Icardi, sarebbe una coppia cosi male assortita?"Tuttaltro. Il fisico possente di 190 cm per 96 kg farebbe pensare alla classica punta “boa” molto statica e da area di rigore. Invece Lukaku risulta essere un giocatore molto dinamico, veloce e tecnico tant'è che è stato stato schierato anche come esterno d’attacco. Con Icardi, centravanti puro, potrebbe creare grande difficoltà agli avversari vista la duttilità è il gran movimento di entrambi. Strano che nessuno all'Inter creda in questa coppia, secondo me devastante."

Da un centravanti nerazzurro, ad un ex interista. Balotelli al Brescia. Come ritieni questa operazione, ennesimo tentativo di rilancio, o definitivo ridimensionamento?"Spero tanto di sbagliarmi, anche in ottica Nazionale, in vista dei prossimi Europei, ma credo più nel definitivo ridimensionamento del calciatore. Le possibilità sono state tante ma mai sfruttate. E' comunque giusto ricollocarlo nel suo habitat, magari tornando a casa si sentirà finalmente a suo agio e potrà riprendere a giocare serenamente senza le pressioni che si porta sulle spalle stampate insieme al suo nome."