A Natale è tempo di solidarietà e a Torino Paolo Roggero pianifica il banco alimentare... per gli amici a quattro zampe

A Natale è tempo di solidarietà e a Torino Paolo Roggero pianifica il banco alimentare... per gli amici a quattro zampe

Paolo Roggero, a Torino sta organizzando un banco alimentare dedicato completamente ai nostri amici a quattro zampe: serve a loro, alle famiglie dei loro proprietari e a noi. Serve a tutti per ricordarci che anche questo vuol dire sensibilità e solidarietà. E non solo in tempo di feste.

Paolo Roggero, dog sitter per passione e professione, dopo aver scritto libri, tenuto corsi e convegni su come svolgere in modo corretto la professione di dog sitter (e pet sitter), grazie alla sua sensibilità crea una nuova occasione e un momento di solidarietà. Ora che è Natale e siamo nel periodo delle feste più importanti dell’anno, cresce in tutti il senso della famiglia e della gioia della condivisione.

Paolo Roggero, di professione dog sitter, proprio in questo periodo ha pianificato per il prossimo periodo a seguito delle feste la creazione di un Banco Alimentare. Idea questa che ha da molto tempo e che ora ha deciso di realizzare. Paolo è da sempre sensibile e attento al sociale, e in collaborazione con veterinari e comportamentisti ha deciso per Torino città (la sua città), di raccogliere cibo e accessori per i nostri amici cani e gatti. Per dare un segno dell’importanza ed efficacia della pet therapy, aiutare magari qualche anziano a permettersi di tenere un cane o un gatto in  casa come animale di compagnia, o aiutare a svuotare i canili, favorendo le adozioni   da parte di famiglie incentivate dal gesto concreto di supporto ideato da Paolo.

Al banco alimentare, possono essere donati oggetti utili per i nostri amici a quattro zampe, non denaro in contanti. Serve cibo in scatola, che si conserva più a lungo, crocchette e accessori da piccoli giochi, guinzagli a vestitini per il freddo. Paolo è sempre stato attento all’aspetto sociale del suo lavoro, ci racconta infatti, che in passato, più volte ha aiutato persone in difficoltà. Una volta ha curato l’animaletto di un’anziana signora gratuitamente, perché lei non poteva permettersi il costo di un dog sitter, ma Paolo capendo la situazione, ha fatto un’eccezione e come “compenso” ha accettato un primo piatto do orecchiette fatte in casa. Anche questo vuol dire saper fare il proprio mestiere in modo serio, sensibile e consapevole.

 

L’iniziativa benefica si svolgerà a Torino. Per sapere la data e modalità di partecipazione consultare il sito www.dogsittertorino.it.

Categoria Cronaca
Attendere...