Grillo, missione quasi compiuta

Grillo, missione quasi compiuta

Chi è veramente Grillo? Forse, solo la storia ce lo dirà.

Già negli anni prima della "Foundation" del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo si presentava nei suoi  spettacoli,  elogiandone le capacità quasi taumaturgiche, con il suo APPLE, il famoso MacBook .

 Un PC, secondo il comico, che avrebbe portato benessere e libertà. Perché proprio il MacBook, quando APPLE è il PC tipico scelto dalle categorie più agiate (essendo il più costoso), l'emblema  dell'imperialismo e dell'arroganza americana attraverso le proprie multinazionali?  

Anni dopo, diventavi un "grillino", iscrivendoti con un semplice click sul tuo MacBook, e sempre con il MacBook sceglievi il tuo candidato favorito per il Movimento 5 Stelle. La democrazia era arrivata, grazie MacBook.

E tra un "vaffanculo" e le riprese in diretta streaming dei comizi, esclusivamente effettuate con l'utilizzo di un  "iPhone",  il successo di popolo è arrivato alle elezioni politiche del 2013. QUASI OTTO MILIONI SETTETECENTOMILA VOTI ALLA CAMERA CON 108 SEGGI E QUASI SETTE MILIONI TRECENTOMILA VOTI AL SENATO CON 54 SEGGI.

Apriremo il Parlamento come una scatola di tonno, gridavano gli eletti.  E invece parte degli eletti (TRENTASEI?) decidevano di andare a mangiare il tonno con il potere. Ma si, c'era il problema della diaria, della restituzione di parte dello stipendio, perché i puri fanno vedere agli italiani di che pasta sono.

Mentre si discuteva di che diaria morire,  gli italiani continuavano a perdere il lavoro,  e per chi lo aveva,  a perdere diritti sul lavoro.

L'Unione Europea imponeva leggi come il BAIL IN e i risparmiatori così sapevano cosa vuol dire perdere i propri risparmi di una vita, perché affidati ad una banca. Se avessero usato il MacBook, con un click non sarebbe accaduto.

Intanto l'Unione Europea minacciava sanzioni , contro di noi, nel caso che centinaia di migliaia di africani  non  fossero stati accolti all'interno del territorio italiano. Naturalmente i costi per il turismo sono a carico dei contribuenti. Ma con un rapido referendum, tramite naturalmente il MacBook, i fedeli, ops, gli iscritti decisero  che la soluzione per risolvere il problema , in modo perentorio, che la legge sull'immigrazione fosse abrogata. Come dire il furto è legale, quindi non esistono i ladri.

Nel frattempo Mr Nigel Farage, compagno di strada e alleato di Grillo al Parlamento europeo, che, come linea politica, ha sempre sostenuto di essere contro l'immigrazione indiscriminata, contro  l'Unione Europea (istituzione antidemocratica!) e contro l'Euro (una camicia di forza che ha condannato a morte la Grecia e tra poco  lo sarà anche l'Italia), avendo vinto il suo referendum nel Regno Unito, diceva a tutti BYE BYE.

A questo punto, però, si viene a sapere che il movimento pentastellato  (così suona più altisonante) non è mai stato contro la UE e l'Euro, ma bisogna fare un referendum! Basta un click sul MacBook e gli italiani decideranno cosa vogliono fare.

E poi c'è la grana dei reintegrati. Sono stati spesi giorni e giorni con dibattiti, tra reciproche accuse e liti, dovendo alla fine andare alle  votazioni,  utilizzando il MacBook, per decretare le espulsioni. E ora il tribunale di Napoli ci obbliga di riprendere indietro I VENTI ESPULSI! Ecco perché non abbiamo tempo per cose come  il TTIP o il CETA! Se la UE impone sanzioni contro la Russia con una perdita economica da parte delle nostre aziende, non ci possiamo fare nulla! C'è la legge per le unioni civili, e dobbiamo combattere sino alla fine!

 Ora, però, facciamo sul serio,  parte la campagna per il NO al referendum di Renzi.

 Di Battista, in sella al suo scooter  (rigorosamente a rimborso spese a piè di lista), parte per un Coast to Coast  in giro per l'Italia, al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica per il NO! Una battaglia di giustizia e di libertà. Perché noi siamo per il popolo, e contro i massoni, le lobby di potere!

OPS!  Al Referendum costituzionale ha vinto il SI?

Renzi ha vinto! Ma non importa, con il MacBook  il popolo della rete si risolleverà.

Emilio Stagni
nella categoria Politica
Attendere...