E' MORTA LA DONNA ARSA VIVA A LUCCA

E' MORTA LA DONNA ARSA VIVA A LUCCA

Una vera e propria torcia umana, così è stata ridotta Vania ieri, aggredita e cosparsa di luquido infiammabile, a cui è stato dato fuoco.

Soccorsa dai colleghi di lavoro, che hanno tentato inutilmente di spegnere le fiamme, è apparsa immediatamente gravissima: ustioni estese e profondissime le hanno lacerato il 90% del corpo.

E prima di venire trasportata all'ospedale Cisanello di Pisa, - dove si è spenta questa mattina - Vania è riuscita a fare un nome, quello del suo aguzzino.

Ex colleghi ed ex amanti

Si erano conosciuti sul posto di lavoro, ed avevano intrecciato una relazione; questo è quanto emerge sull'uomo che avrebbe dato fuoco a Vania.

Il presunto responsabile è stato fermato, ma ha negato ogni addebito. Gli inquirenti sono però propensi a credere che proprio la relazione tra i due, interrotta da Vania, sia stato il fattore scatenante che ha portato l'uomo a compiere il drammatico gesto.

Aveva 46 anni, Vania, altra vittima impotetente ed ignara della brutale pratica del femmincidio.

catiadag
nella categoria Cronaca
Attendere...