Il lavoro nella scultura

Il lavoro nella scultura

Benché Michelangelo fosse famoso per fare da solo gran parte della laboriosa opera di intaglio del marmo per la scultura, ed anche per la pittura, era molto spesso uno sforzo collaborativo, sia che utilizzasse bronzo, legno, terracotta o pietra. La scultura in pietra (e l'Italia è ricca di marmo) ha presentato sfide uniche, a cominciare dalle difficoltà logistiche e di spesa legate al trasporto di materiale pesante. Era necessaria una notevole capacità ingegneristica per studiare le manovre necessarie per posizionare blocchi di grandi dimensioni, e gli scultori dovevano capire la capacità del materiale di sostenere il proprio peso nello spazio. Date le capacità richieste, non è sorprendente che molti scultori abbiano lavorato anche come architetti.

Gli assistenti di solito sgrossavano un blocco da scolpire seguendo i disegni fatti dal maestro o da un disegno che aveva disegnato direttamente sulla pietra, o trasferendo punti da un piccolo modello che il maestro aveva realizzato in cera o argilla. Durante la prima metà del XV secolo, gli scultori in marmo e bronzo si affidavano sempre più a modelli tridimensionali, chiamati bozzetti, e sempre meno sui disegni. Lavorare con una forma tridimensionale fin dall'inizio ha incoraggiato gli scultori a pianificare le loro opere da più punti di vista e creare pose più dinamiche e impegnative. I bozzetti erano particolarmente utili nello spiegare un lavoro pianificato a un mecenate. Anche alcuni pittori usavano i bozzetti come modelli. Leonardo, ad esempio, li avvolgeva con del tessuto per studiare la caduta delle pieghe, una pratica che sembra aver raccolto dal suo insegnante, Verrocchio, che era in prima persona uno scultore.

Le statue di bronzo sono state le opere d'arte più apprezzate nel mondo antico, ma la scultura in bronzo assestante non fu ampiamente prodotta per molti secoli. Il bronzo come materiale per l'arte ha vissuto una "rinascita" nel XV secolo, non solo per statue e statuette su larga scala, ma anche per rilievi e medaglie. Gli scultori che lavoravano in bronzo, un materiale costoso e tecnicamente impegnativo, spesso lasciavano la fusione a professionisti come i produttori di campane o cannoni. Ad aiutare Ghiberti con le porte di bronzo per il Battistero di Firenze tra il 1407 e il 1424 non erano meno di venticinque uomini. Il bronzo non solo richiedeva alte temperature e un attento controllo del processo di fusione, ma anche una comprensione di ciò che era tecnicamente fattibile nel design e nella fabbricazione.

La finitura della scultura, indipendentemente dal materiale, spesso implicava altre abilità e altre mani. Le superfici di marmo ricevevano vari gradi di smalto per eliminare (o meno) i segni lasciati dagli strumenti di intaglio. I bronzi sono stati patinati in processi chimici che hanno raggiunto colori di superficie, dal verde al marrone brillante e al nero, altrimenti raggiunti solo nel tempo quando il metallo si è ossidato. Gli artisti dipingevano abitualmente sculture in legno e terracotta, e talvolta anche in marmo; potevano persino dorare figure in marmo non vernici per evidenziare i dettagli. Questi processi, di nuovo, venivano solitamente eseguiti da specialisti.

Il lavoro manuale - il sudore e la sporcizia - coinvolti nel fare scultura era un argomento controbattuto, il dibattito sui relativi meriti della pittura e della scultura divenne un luogo popolare degli scrittori, teorici e artisti del Rinascimento (e più tardi).

Con il contributo di LePietre.Srl

Attendere...