Uso delle pietre naturali nel tempo

Uso delle pietre naturali nel tempo

Vari tipi di pietre naturali sono state estratte nei secoli e utilizzate per la costruzione di edifici, monumenti e strade. Alcune delle antiche creazioni ci stordiscono ancora con la loro bellezza senza tempo e sono la prova permanente della longevità della pietra naturale.

Oggi, nei nostri edifici privati e pubblici utilizziamo il marmo, il travertino, il calcare, il granito e le tecniche speciali per la loro lavorazione e applicazione che sono state introdotte molti anni fa. Vediamo chi sta dietro le nostre creazioni moderne e stimolanti.

Intorno al primo secolo dC i Romani governarono il mondo e l'impero romano è ancora lodato per le strade che ha costruito. Il materiale utilizzato per le strade romane era il granito, un segno della durabilità e della resistenza della pietra. Molte altre strutture erano fatte di granito come le terme e le colonne del Pantheon di Roma. Oltre alle strade, i Romani costruirono molti bagni, acquedotti, templi. Granito e travertino erano una delle pietre più frequentemente utilizzate, tuttavia il marmo era la massima espressione di bellezza e potenza. A differenza delle altre civiltà, i romani avevano un modo speciale di costruire. Fecero la costruzione principale di mattoni e malta e li rivestirono con lastre di marmo. Ciò ha permesso la costruzione più veloce di musei, templi e monumenti ed è una tecnica che è ancora utilizzata oggi. L'atteggiamento dei Romani verso l'edificio e il marmo può essere riassunto nelle parole dell'imperatore Augusto: "Urbem latericium invenit, marmorea reliquit" che significa "Trovato una città di mattoni e lasciato una città di marmo".

È interessante notare che anche molte pietre naturali sono state estratte a Roma, alcuni di essi sono stati importati dalla Grecia, mentre i romani ne ammiravano le qualità.

Le pietre naturali sono state utilizzate come materiale da pavimentazione fin dall'inizio del loro utilizzo. 5000 anni fa, gli egiziani li usavano per coprire pavimenti di palazzi e piramidi. Le piramidi di Giza sono il più antico esempio di pavimento in pietra naturale ancora esistente al mondo.

Ci sono prove che circa 3000 anni fa, gli antichi greci hanno creato bellissimi mosaici pavimentali mettendo dei ciottoli in un letto di malta. Successivamente, i ciottoli furono sostituiti da pezzi piatti di piastrelle di pietra colorate, conosciute come tessere. Il marmo era anche usato come opzione di pavimentazione di lusso ed era particolarmente amato dai greci per la sua capacità di riflettere la luce del sole.

Nell'impero di Cartagine i pavimenti in marmo erano un segno di prestigio, ricchezza e status sociale e quindi la pietra veniva spesso utilizzata per coprire i pavimenti dei palazzi reali.

I romani non solo usavano pavimentazioni in pietra naturale per edifici pubblici e privati, ma introducevano anche l'ipocausto, che è la prima forma di riscaldamento radiante sotto la superficie. I moderni pavimenti in ardesia sono la scelta perfetta se stai programmando un riscaldamento centralizzato per la tua casa.

Sfortunatamente, dopo la caduta dell'impero romano, l'arte di elaborati e bellissimi pavimenti in pietra naturale e mosaici andò persa nell'Europa occidentale. Una parte della tradizione è stata conservata nell'impero bizantino.

Al giorno d'oggi, l'utilizzo di piastrelle in pietra naturale per pavimenti è stato riproposto e non è più limitato solo ai ricchi.

Le pietre naturali sono disponibili in una grande varietà di colori che vanno dal bianco al nero. La diversità non è solo tra le diverse pietre. Ogni tipo di pietra naturale ha varie sfumature e sfumature a seconda del suo luogo d'origine e dei minerali che fanno parte della sua composizione. La calcite, che si trova principalmente in calcare e travertino, ad esempio, contribuisce alla presenza di colori più perlescenti e pallidi. La mica e il feldspato, trovati nel granito, colorano la pietra in verde, mentre l'ematite può dare sfumature più rossastre o viola.

In origine, i nomi delle pietre naturali e dei loro colori erano in italiano. Il nome consisteva di due parti: la prima parola indicava il colore e la seconda il luogo di origine. Così, Bianco Carrara significa marmo bianco di Carrara, e Negro Marquina si riferisce al calcare nero di Marquina, in Spagna. Oggi molte pietre naturali sono identificate nello stesso modo, tuttavia molte aziende creano il proprio nome o usano solo la versione inglese o una miscela. Tuttavia, ci sono nomi, come il marmo italiano di Carrara, che rimarrà sempre popolare e riconoscibile nell'industria poiché la pietra estratta a Carrara è di altissima qualità e la più ricercata dai clienti.

Con il contributo di Le pietre Srl

Attendere...