Dopo l'attacco alla base aerea di Homs la Russia parla di sviluppo pericoloso della guerra in Siria

Dopo l'attacco alla base aerea di Homs la Russia parla di sviluppo pericoloso della guerra in Siria

La conferma che a colpire la base aerea siriana T-4, nei pressi di Homs, sia stato Israele è arrivata da alcuni funzionari di Washington che hanno dichiarato alla NBC che Tel Aviv aveva informato gli Usa prima di dare il via all'attacco.

La ricostruzione dell'accaduto non è però arrivata dalle autorità israeliane, che non hanno ammesso ufficialmente proprie responsabilità nel raid, ma tramite fonti di agenzia e autorità russe. Due F-15 dell'aeronautica israeliana, dal Libano, avrebbero lanciato 8 missili contro la base aerea siriana.

Cinque sono stati intercettati dalla contraerea siriana, 3 sono invece caduti nella parte ovest della base, provocando 14 vittime, di cui quattro di nazionalità iraniana:


Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato lunedì che il raid è da considerare "uno sviluppo pericoloso" della situazione in Siria. Il motivo dell'attacco sarebbe stato dettato dalla necessità di Israele di manifestare la propria contrarietà alle intese raggiunte tra Russia, Iran e Turchia in un vertice che si è svolto ad Ankara la scorsa settimana.

Categoria Esteri
Attendere...