Lo scorso week end ho letto LA BAMBINAIA di Marco Tiano (Fazi editore), un thriller che mi ha catturato subito il mio interesse. Lo stile narrativo semplice, senza fronzoli, rende la lettura scorrevole e piacevole. 

La bambinaia è un thriller che si legge in un paio di ore, ma non fatelo mai di notte, perché c'è talmente tanta suspense che io ho avuto difficoltà ad addormentarmi.

Questo è uno di quei thriller che dopo averli finiti hai la tentazione di guardare sotto il letto o dietro le tende, ma io non ne ho avuto il coraggio. Ho preferito spegnere la lampada sul comodino e spegnere la luce. Mi sono sforzata di non aprire gli occhi, per non vedere strane ombre perla stanza. Attenzione, non ci sono scene violente che impressionano, al contrario, è la suspense a tenerti in allerta.

La paura, l'ansia della protagonista, gli eventi strani, i sussurri, i temporali, i misteri; sono questi elementi che rendono la lettura un'esplosione di suspense. Il romanzo infatti ha una location e un'ambientazione particolarmente suggestiva. L'autore crea suspense soprattutto con le atmosfere. Appena iniziato, man mano che andavo avanti con la lettura, seppur tesa come una corda di violino, pronta a sussultare a qualsiasi rumore, non ho resistito a non leggerlo fino alla fine. La curiosità di sapere cosa fosse successo in quella vecchia villa di campagna era più forte di me.

La storia tratta di una villa di campagna acquistata da una giovane coppia di sposini per pochi soldi. Subito dopo esserci andati ad abitare, la protagonista si accorge che nella casa succedono strani episodi. Parlando con i residenti del piccolo paesino, poco alla volta arriva a conoscere la verità, ma trattandosi sopratutto di persone di paese, di una certa età, sono reticenti a parlare, e la protagonista dovrà scoprire sulla propria pelle cosa è successo cento anni prima in quella villa, e cosa ancora aleggia.

La bambinaia è una storia di fantasmi, una di quelle classiche, con un colpo di scena finale inaspettato.  Ottime l'ambientazione, le atmosfere, la caratterizzazione dei personaggi e il dipanarsi della storia. Il finale lascia intendere che forse la storia possa proseguire con un sequel, ma non ho trovato altre notizie in rete.

Il mio voto è 5/5