Criptovaluta alternativa al Bitcoin: un esempio made in Italy!

Criptovaluta alternativa al Bitcoin: un esempio made in Italy!

Il Mercato e l'ammontare degli scambi delle criptovalute alternative al Bitcoin (ALT COIN) è in costante crescita ed è passato da un +1% del 2015 a quote superiori al +25% attuale!

In un momento storico in cui il Bitcoin (BTC) viene apprezzato intorno ai 16.000 dollari e quotato nella Borsa di Chicago, lo stesso conio diventa un riferimento per  le altre "crypto" e chi frequenta i vari Exchange dedicati trova sempre più spontaneo leggere in Bitcoin (BTC) le quotazioni delle criptovalute alternative.

Sul piano visivo ci troviamo così di fronte ad uno zero (numero) virgola... ed altri 8 zeri che quotano i vari conii alternativi (d'ora in poi ALT)

Esempio:

ALT 1 = BTC 0,00000005

ALT 2 = BTC 0,00005000

ALT 3 = BTC 0,50000000

Le centinaia di ALT si contendono il posizionamento decimale del contatore ed in una situazione altamente volatile si possono creare le condizioni perchè una ALT 1 diventi una ALT 2 ad esempio.

Quali sono i presupposti?

L'articolo di Incentron ne individua alcuni, certamente le ALT che hanno un progetto importante alle spalle, un sito web chiaro di riferimento, una comunità attiva nel promuoverlo hanno diverse possibilità di essere apprezzate a medio e lungo termine!

Lo stesso articolo mette a disposizione le informazioni per aderire alla comunità della ALT italiana già quotata ed attiva in diversi Exchange internazionali.

La comunità è perlopiù italiana e si possono acquistare beni e servizi nel marketplace dedicato!

Come per tutte le innovazioni  che in questo caso si possono tranquillamente definire epocali, prima o poi vanno considerate, magari per cavalcarle e non subirle o per confrontarsi come suggerisce lo stesso Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi riferendosi al Bitcoin!

 

Per saperne di più su questo argomento
Categoria Economia
Attendere...