Primarie PD: Renzi (stra)vince, secondo Orlando e terzo Emiliano. Tutto come previsto

Primarie PD: Renzi (stra)vince, secondo Orlando e terzo Emiliano. Tutto come previsto

Alle 12.00 hanno votato 701.373 cittadini. Alle 17.00 l’affluenza ai seggi delle primarie del PD è risultata essere di 1.493.751 cittadini. In tarda serata, dopo la chiusura delle urne «il tendenziale dell’affluenza al voto è tra 1 milione e 900 mila e i 2 milioni di voti che si sono espressi in questa giornata. E’ un dato straordinario». La dichiarazione è di Roberto Montanari, coordinatore della mozione per il congresso del PD.

Questo l'andamento del voto come pubblicato dal Partito Democratico sul proprio sito. Per quanto riguarda il risultato, come scontato, ha vinto Matteo Renzi con una percentuale intorno al 70%, Andrea Orlando ha ricevuto poco più del 20% e Michele Emiliano, ovviamente, è rimasto al di sotto del 10%.

Le percentuali sono indicative e riferite ad un quarto dei voti scrutinati.

Questa la dichiarazione di Andrea Orlando dopo aver appreso il risultato.

«Il risultato che esce dalle urne ci dà una vittoria molto ampia di Renzi, con il quale mi congratulo e a cui ho già telefonando per augurargli buon lavoro in un momento difficile della vita del partito e del Paese”. Così Andrea Orlando commenta i risultati delle primarie Pd nella sede del suo comitato a Roma, commentando i risultati delle Primarie.

Presto la nostra posizione politica sarà quella di tutto il Pd. Non è il momento di smobilitare perché questa posizione diventerà quella di tutto il Partito democratico. Anche elettori di Matteo Renzi la pensano così.

Anche chi ha votato Renzi credo che condivida con noi l’esigenza di costruire un nuovo centrosinistra che sappia mettere insieme anime diverse e diventare competitiva nelle prossime tornate elettorali. La prima è a poche settimane, con quasi 1000 comuni al voto – ha aggiunto -. La seconda è quella delle elezioni siciliane. E la terza, anche se non sappiamo ancora la data, sarà la sfida in cui non si giocherà solo il governo del paese, ma l’assetto e la curvatura della democrazia nel nostro Paese, e tutte energie devono essere rivolte là.»

Anche Emiliano ha rilasciato la sua dichiarazione a commento del voto.

«Ho chiamato Matteo Renzi per fargli le mie congratulazioni e confermargli la mia lealtà e sincerità, sono certo, dal tono che ho sentito al telefono parlandogli che egli sente la particolarità del momento”. Lo ha detto Michele Emiliano stasera a Bari commentando l’esito delle primarie.

Abbiamo la ragionevole aspettativa di superare il 10% e forse anche il 12% e voglio dire che con la mia mozione “fronte democratico abbiamo portato a votare il Mezzogiorno, in totale controtenndenza con tutte le ultime elezioni.

Fronte democratico non esisteva, ce lo siamo inventato in questi tre mesi e ora migliaia di militanti in Italia sono con noi per costruire il Pd del futuro e il primo valore da presidiare e quello di un partito che deve stare dalla parte degli ultimi.

Voglio ringraziare tutti i miei sostenitori che in tutta Italia si sono battuti a mani nude per la mia mozione.

L’affluenza tiene al Sud, anzi incrementa leggermente il numero dei votanti. Questo è merito della nostra mozione che ha messo la questione del Mezzogiorno al centro. Il fronte democratico non esisteva, ora ci sono migliaia di militanti.

Noi siamo certi di essere il futuro del Pd, un Pd che tiene dentro tutti e rispetta i valori fondanti della sinistra, prima di tutto quello di stare dalla parte degli ultimi.»

Per quanto riguarda il commento di Renzi, ecco la sua "misurata" performance dalla sede nazionale del Partito Democratico nel filmato sottostante.

Roberto Castrogiovanni
nella categoria Politica
Attendere...