Non si tratta solo di migranti, così Francesco nell'omelia per la 105a Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato

Non si tratta solo di migranti, così Francesco nell'omelia per la 105a Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato

«Non si tratta solo di migranti. Ed è vero: non si tratta solo di forestieri, si tratta di tutti gli abitanti delle periferie esistenziali che, assieme ai migranti e ai rifugiati, sono vittime della cultura dello scarto.

Il Signore ci chiede di mettere in pratica la carità nei loro confronti; ci chiede di restaurare la loro umanità, assieme alla nostra, senza escludere nessuno, senza lasciare fuori nessuno.

Ma, contemporaneamente all'esercizio della carità, il Signore ci chiede di riflettere sulle ingiustizie che generano esclusione, in particolare sui privilegi di pochi che, per essere conservati, vanno a scapito di molti.

Il mondo odierno è ogni giorno più elitista e crudele con gli esclusi. È una verità che dà dolore: questo mondo è ogni giorno più elitista, più crudele con gli esclusi. I Paesi in via di sviluppo continuano ad essere depauperati delle loro migliori risorse naturali e umane a beneficio di pochi mercati privilegiati. Le guerre interessano solo alcune regioni del mondo, ma le armi per farle vengono prodotte e vendute in altre regioni, le quali poi non vogliono farsi carico dei rifugiati prodotti da tali conflitti. Chi ne fa le spese sono sempre i piccoli, i poveri, i più vulnerabili, ai quali si impedisce di sedersi a tavola e si lasciano le “briciole” del banchetto (Messaggio per la 105a Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato).»

In questo passaggio dell'odierna omelia della Messa con cui questa domenica ha celebrato la giornata del migrante, papa Francesco ha riassunto, descrivendoli con semplicità e chiarezza, i problemi alla base delle migrazioni.

Francesco non è un capo di Stato, non è un militare, non è un politico, ma solo una guida spirituale e come tale ha offerto, se non una soluzione, almeno una possibile via per mitigare i problemi associati alle migrazioni. Quale? Mettere da parte l'indifferenza e amare il prossimo.

«Amare il prossimo significa sentire compassione per la sofferenza dei fratelli e delle sorelle, avvicinarsi, toccare le loro piaghe, condividere le loro storie, per manifestare concretamente la tenerezza di Dio nei loro confronti. Significa farsi prossimi di tutti i viandanti malmenati e abbandonati sulle strade del mondo, per lenire le loro ferite e portarli al più vicino luogo di accoglienza, dove si possa provvedere ai loro bisogni.

Questo santo comandamento Dio l'ha dato al suo popolo, e l'ha sigillato col sangue del suo Figlio Gesù, perché sia fonte di benedizione per tutta l'umanità. Perché insieme possiamo impegnarci nella costruzione della famiglia umana secondo il progetto originario, rivelato in Gesù Cristo: tutti fratelli, figli dell'unico Padre.»

Categoria Cronaca
Attendere...