Tre libri per l'autunno, Oggiero, Parisi e Cibrario

Tre libri per l'autunno, Oggiero, Parisi e Cibrario

La vita è un ciclesMargherita Oggiero
(Mondadori, 252 pagine)

In una gelida mattina d’inverno, nel retro dell’Acapulco’s, uno dei peggiori bar di Torino, viene ritrovato un morto ammazzato. Chi è? Ma soprattutto, chi l’ha fatto fuori, e perché? Massimo, giovane laureato in Lettere che per sbarcare il lunario prepara panini e scongela brioches precotte, non sa nulla di quel cadavere con la faccia spappolata, così come sembra non saperne niente neppure Gervaso detto Gerry, il figlio del padrone del bar, un ragazzotto non proprio sveglio, più interessato a conquistare la bella Sabrina che a fare fatica dietro al bancone…

 

Sono tornati i Braccialetti rossi, seconda edizione – Mimmo Parisi
(stileLIBeRO, 147 pagine, distribuzione Mondadori)

"Non abbiamo perso, semplicemente e per questa volta, non abbiamo vinto." Ecco la seconda edizione di Sono tornati i Braccialetti rossi. La storia è stata inglobata tra un rinnovato incipit e un epilogo struggente. Questo libro presenta un racconto che tratta delle 'avventure' di alcuni bambini appassionati della omonima serie televisiva. Il contesto è quello della Pediatria dell'ospedale Bellaria di Bologna. Insieme a questa storia, l'autore, con scrittura lieve, propone alcuni altri appassionanti racconti estrapolati da Racconti di periferia, libro 2° classificato al premio letterario 'NotaD'Autore2016', dopo Scusate il disordine di Ligabue.

 

Il rumore del mondo – Benedetta Cibrario
(Edizioni Mondadori, 756 pagine)

Anne Bacon scopre come conquistarsi un posto nella storia di un paese non ancora nato, di un orizzonte ideale che infiamma il mondo. Progressisti e conservatori, al di là degli schieramenti politici, si trovano davanti alla necessità di rispondere al cambiamento e lo fanno agendo - nell'economia, nel costume, nella morale, nella cultura. E l'Italia appare, vista da lontano (complici anime migranti come Anne, e il suo entourage femminile), vista come utopia e come sfida.

 

Attendere...