Il 24 marzo un'ora di buio per celebrare l'Ora della Terra

Il 24 marzo un'ora di buio per celebrare l'Ora della Terra

Alle 20:30 di sabato 24 marzo, i profili delle città di tutto il mondo tutto il mondo si "vestiranno" di buio per un’ora per l'Earth Hour, l'evento annuale del WWF che per l'edizione 2018 ha come tema quello della necessità di agire in difesa della natura e dell'ambiente, messi a dura prova dal surriscaldamento globale.

A spegnersi, in giro per il mondo, saranno la Torre Eiffel, la Sydney Opera House, lo stadio Bird's Nest di Pechino, il Burj Khalifa di Dubai (l’edificio più alto del mondo)... e in Italia daranno decine i monumenti e le piazze a fare altrettanto, e tra queste il Colosseo, Piazza San Marco, il Castello Sforzesco e l'UniCredit Tower a Milano, la Mole Antonelliana a Torino, Palazzo Vecchio e il Davide a P.zzale Michelangelo, la Basilica di San Francesco ad Assisi, il Maschio Angioino e Castel dell’Ovo a Napoli, il Santuario di Santa Rosalia a Palermo, il Palazzo Civico a Cagliari...

Una "ola di buio" di un'ora come "gesto di solidarietà" per il pianeta e per esortare individui, aziende e governi in tutto il mondo a contribuire nelle discussioni e nella ricerca di soluzioni per costruire un futuro sano e sostenibile per tutti.

La manifestazione centrale dell’edizione italiana si svolgerà a Roma al Colosseo con lo spegnimento insieme a Paolo Nespoli, l’astronauta ESA protagonista della missione VITA dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana), e la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi.

Dalle 20.30 dal Colosseo prenderà il via anche la "Pedalata per il Clima", una manifestazione totalmente gratuita a cui hanno già aderito oltre 1000 cittadini, con il corteo delle "bici" che si snoderà lungo le vie storiche della capitale e raggiungerà alle 21.30 la Basilica di San Pietro, anch’essa spenta per l’Ora della Terra, dove si assisterà alla sua riaccensione.

A Roma si spegneranno anche diversi palazzi istituzionali: Quirinale, Camera, Senato, Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio.

Donatella Bianchi, Presidente del WWF Italia, ha dichiarato: «L’evento Earth Hour è nato per connettere tra loro città, comunità, aziende, singole persone, in nome del grande obiettivo di salvare il clima e salvare il Pianeta, riscoprendo la bellezza e l’efficacia di tanti gesti insieme. Un evento globale che unisce i territori e che, proprio per questo, ha sempre più dimostrato e rafforzato nel corso degli anni la sua attualità.

Quest’anno, il nostro invito è quello di riconnetterci non solo tra noi umani, ma anche con il Pianeta, con la Natura, con l’interdipendenza che esiste tra i diversi problemi. In particolare abbiamo sottolineato, con un ponderoso rapporto, l’effetto distruttivo che il cambiamento climatico potrebbe avere sulla biodiversità e quindi la necessità assoluta di fermare e azzerare le emissioni di carbonio e degli altri gas serra per limitare al massimo l’aumento della temperatura globale (1.5°C) e salvaguardare la vita di tutte le specie viventi, inclusa la nostra. Al contempo, vogliamo evidenziare come la funzionalità dei sistemi naturali sia un argine contro gli effetti del riscaldamento globale ormai in atto e inevitabile.
Riconnettiamoci tutti al nostro essere profondamente dipendenti dal buon funzionamento della natura per la nostra vita, il nostro benessere, la nostra salute: solo così acquisteremo anche coscienza del grande potere che abbiamo di cambiare strada e influire sul futuro.»

 

A questa pagina gli eventi previsti in Italia e i Comuni che vi aderiscono.


Attendere...