Lo scopo dell'arte sacra

Lo scopo dell'arte sacra

Fin dal suo inizio quasi 2000 anni fa, la Chiesa cattolica ha usato l'arte per istruire uomini e donne sulla Fede e ispirarli a vivere secondo i suoi alti ideali. Una vecchia tradizione sostiene che San Luca Evangelista fu il primo artista cattolico a dipingere un ritratto della Vergine Maria, di cui aveva visto la faccia in vita. Per questo motivo, è uno dei santi protettori invocati dagli artisti.

Il posto che le immagini di uomini e donne santi hanno nella Chiesa cattolica è stato per lungo tempo frainteso da chi è all'esterno. Nell'VIII secolo, durante il periodo in cui gli iconoclasti cercarono di distruggere qualsiasi rappresentazione di Cristo e dei suoi santi, san Giovanni Damasceno scrisse in difesa dell'arte sacra: "Attraverso le icone di Cristo contempliamo la sua forma corporea, i suoi miracoli e le sue sofferenze ... e siamo santificati. " Il 2 ° Concilio di Nicea nel 787 sostenne la venerazione (non il culto) delle icone.

I primi Padri della Chiesa descrivevano lo scopo delle immagini religiose come anagogici, che letteralmente significa "condurre verso l'alto". Hanno scritto che quest'arte dovrebbe sollevare l'anima e la mente di chi guarda al regno incorruttibile ed eterno dello Spirito. Nei tempi moderni, Papa Giovanni Paolo II ha scritto: "L'iconografia si basa sul mistero dell'Incarnazione in cui Dio ha scelto di assumere un volto umano ... L'arte sacra cerca di trasmettere qualcosa del mistero di quel volto." Questa arte, quindi, è come una finestra sul Cielo stesso. L'arte sacra è bella per gli occhi e arricchisce lo spirito.

L'arte cattolica ha sempre raccontato la storia della fede. Originariamente ciò avveniva attraverso simboli clandestini (come l'ancora / croce e il pesce), successivamente attraverso l'iconografia e la ritrattistica (in cui i santi contenevano un oggetto che li aiutava a identificarli), e in seguito attraverso rappresentazioni altamente dettagliate di scene scritturali e agiografia (le storie di vita dei santi). Nella Messa cattolica, l'omelia è usata per spiegare le Scritture e le dottrine della Chiesa e per istruire i fedeli su come possono applicarli nella vita quotidiana. L'arte sacra può fungere da "omelia" propria.

Per aiutare a rendere comprensibili gli insegnamenti della Chiesa, l'arte cattolica ha spesso utilizzato il simbolismo. I simboli sono stati descritti sia come "occultamento e rivelazione ... (sono) un fenomeno in cui gli abstract come ideali, morali e virtù diventano concreti in modo tale da essere espressi più chiaramente delle parole". Il significato del simbolo non sta nel simbolo stesso, ma indica qualcos'altro al di fuori di esso.

La tipologia cristiana, che ha un ruolo importante nella teologia della Chiesa, è stata utilizzata anche nell'arte sacra. L'insegnamento cattolico vede l'Antico Testamento come un'anticipazione tipologica del Nuovo Testamento. La Chiesa comprende l'Antico Testamento come la storia della relazione di Dio con il Suo popolo sotto l'antica alleanza, con profezie che indicano la venuta di Cristo e la Nuova Alleanza. Negli eventi, nelle persone e nell'Antico Testamento, i primi Padri della Chiesa potevano vedere "tipi e ombre" degli eventi e delle persone del Nuovo Testamento. L'arte cattolica è spesso usata per insegnare agli spettatori che Gesù Cristo è l'adempimento di queste Scritture anticipatorie.

Con il contributo LePietre.Srl

Attendere...