Dalla Cina con furore: wuxiapan parte II, dagli Shaw Brothers ad Ang Lee

80 voti Fino agli anni Sessanta il cinema di Hong Kong era prevalentemente in lingua cantonese. Sono anni decisivi: Run Run Shaw , giovane produttore cinese, trasforma la casa di produzione di famiglia nello studio mandarino Shaw Brothers. La grandezza di questi studi, oggi punto di riferimento per il cinema wuxia , risiede nelle capacità imprenditoriali del suo creatore. Istituisce un sistema fordista… Inserita da silenzioinsala 2 febbraio 2018

The Post e gli altri: quando l'inchiesta arriva al cinema

102 voti Giornalismo e cinema , due rette parallele che qualche volta si incontrano e danno vita a risultati sorprendenti. La sorpresa sta proprio nell'assunto, e quindi certezza, che il giornalismo teoricamente non si racconta: il giornalismo racconta, come un riflettore sotto cui passa la quotidianità con le sue meraviglie e banalità. Nella ripetitività di chi compie i medesimi gesti ogni giorno, per… Inserita da silenzioinsala 31 gennaio 2018

Dalla Cina con furore: Wuxiapian, tra cinema e letteratura

101 voti Il Wuxia è un genere letterario ancor prima che cinematografico (a cui viene aggiunto il suffisso "pian", che significa appunto cinema ), le cui radici risalgono al II e III sec. a.C. Le storie Wuxia hanno come protagonisti spadaccini volanti e guerrieri erranti, ragion per cui il genere spesso viene associato al romanzo cavalleresco occidentale. Il Wuxia racchiude in sé una componente… Inserita da silenzioinsala 31 gennaio 2018

The Birth of Korean Cinema, le origini vol. 1: tra la propaganda giapponese e Kim Do-San, il primo regista

100 voti Nel 1896 un noto imprenditore tessile giapponese, tale Katsutaro Inabata , si reca in viaggio di lavoro in Francia dove conosce Auguste Lumière , che qualche anno prima assieme a suo fratello Jean aveva “inventato” il cinematografo. Inabata ne rimane particolarmente incuriosito e Lumière, colpito dall'interesse dell'imprenditore giapponese, decide di incaricare due dei suoi operatori, Gabriel… Inserita da silenzioinsala 25 gennaio 2018

Luca Marinelli è Fabrizio De André: al cinema solo il 23-24 gennaio

102 voti 27 Agosto 1979, Tenuta dell’Agnata in Sardegna. Nella notte due banditi irrompono in casa e sequestrano Fabrizio De André e Dori Ghezzi, portandoli verso Supramonte dove rimarranno prigionieri per quattro mesi. Parte da qui il film per la tv Fabrizio De André - Principe Libero di Luca Facchini , prodotto da Angelo Barbagallo, Rai Fiction e Bibi Film Tv e distribuito nelle sale da Nexo Digital il… Inserita da silenzioinsala 22 gennaio 2018

«La stampa libera è guardiana della democrazia»: Steven Spielberg, Maryl Streep e Tom Hanks a Milano per The Post

90 voti Milano, lunedì 15 gennaio. Un cielo color del piombo schiaccia la città. Le vie del Quadrilatero della Moda, in pieno Centro, sono pressoché deserte; solo qualche turista che fotografa le vetrine e piccoli gruppi di persone eleganti sono in cerca di un posto chic per un pranzo di lavoro. Davanti all’ingresso dell'hotel Four Season di via Gesù un nugulo di giornalisti è in attesa di entrare. Ho una… Inserita da silenzioinsala 18 gennaio 2018

A casa tutti bene e gli altri fail del 2017: quando il poster cinematografico non funziona

98 voti Il mestiere delle armi, ovvero il grafico. Committenze confuse, budget esigui, responsabilità e pochi crediti. Dai tempi di Mad Men sino ai giorni nostri, il creativo è una figura mitica: metà umano e metà scadenze da rispettare. E se nel campo della pubblicità e del marketing avere in mano l’immagine di un’azienda vuol dire contribuire o meno al suo successo, anche per la comunicazione… Inserita da silenzioinsala 15 gennaio 2018

Cinecittà World: il parco divertimenti cinematografico si prepara per le Feste

188 voti Basta salire su un comodissimo pullman che parte dalla stazione Termini di Roma, da Via Einaudi, per arrivare in poco più di quaranta minuti in un parco divertimenti diverso da tutti gli altri. Cinecittà World è stato aperto il 24 luglio 2014 e sorge sui terreni dei vecchi studi cinematografici realizzati negli anni sessanta da Dino De Laurentiis , presso Castel Romano, sulla Via Pontina… Inserita da silenzioinsala 28 dicembre 2017

Charles Dickens e il cinema, alla scoperta del narratore più amato da registi e sceneggiatori

187 voti Charles Dickens non solo sapeva scrivere, ma sapeva anche bene cosa scrivere. Gentiluomo istruito e al contempo uomo di mondo, aveva attraversato le esperienze di vita più difficili, diventando un intellettuale di successo: impeccabilmente vestito, ma con l'animo del bambino infangato e ingiustamente maltrattato. Forse è racchiusa in questa formula, in questa particolare casualità biografica, che… Inserita da silenzioinsala 28 dicembre 2017

Star Wars, visioni dal futuro: dove sta andando la saga creata da George Lucas?

178 voti Storditi dai trucchi di magia posticci e rutilanti di J. J. Abrams, ormai pensavamo che la nuova trilogia di Star Wars fosse destinata a vivere e proliferare solo all'interno del proprio mondo nostalgico; a riproporre ancora e ancora la stessa parata di personaggi e situazioni del passato in un loop infinito di strizzate d'occhio e citazioni. Ma ecco sbucare dal nulla lo sconosciuto e temerario… Inserita da silenzioinsala 28 dicembre 2017

Star Wars, la trilogia prequel tra speranze e delusioni dei fan (vecchi e nuovi)

185 voti Sul finire degli anni ’90, dopo che l’intera trilogia classica venne riproposta al cinema per il ventennale, George Lucas sganciò una delle bombe più clamorose della storia del cinema: l’annuncio che sarebbe tornato nella galassia lontana lontana da lui creata per portare al cinema una nuova trilogia. Il film avrebbero narrato il passato di uno dei personaggi più iconici del XX secolo, Darth Vader… Inserita da silenzioinsala 6 dicembre 2017

Se il Natale fosse un film: Babbo Bastardo, una risata scorretta in attesa che passino le Feste

206 voti Non amo il Natale. O meglio: non amo tutto ciò che comporta il Natale. Non amo i pranzi, i regali, gli alberi addobbati, la famiglia a Natale, i buonismi di Natale. Un'immersione nella retorica che disattende quello che dovrebbe essere il vero senso di questa festa: una sosta di raccoglimento spirituale, che potrebbe essere utilizzato anche da un non credente per fare i conti con se stesso e… Inserita da silenzioinsala 6 dicembre 2017

Suburbicon: gli anni '50 e quel paradiso perduto (o mai esistito)

197 voti Il nuovo film di George Clooney , in collaborazione con i Fratelli Coen , in uscita nelle sale italiane il 6 dicembre, è ambientato in una paradisiaca cittadina color pastello, in perfetto stile anni '50. Con la fine del secondo conflitto mondiale, la middle class americana iniziò a stabilirsi nei sobborghi in case da sogno, in piccole comunità ben organizzate tra loro. Insomma se eri bianco e con… Inserita da silenzioinsala 6 dicembre 2017

Se il Natale fosse un film: La vita è meravigliosa, il ricordo di un classico senza tempo

179 voti È stato un incontro fulminante, il nostro. Un rapido scambio di sguardi, una segreta risonanza, un istintivo abbraccio di anime che si sono tinte immediatamente dei colori del destino. La fiamma della passione ha bruciato in quella lontana sera di dicembre, come un miracolo natalizio, come una stella cometa che, da allora in divenire, avrebbe rischiarato col suo lume il sentiero impervio della… Inserita da silenzioinsala 1 dicembre 2017

Da Kenneth Branagh a Sam Raimi: quando il remake diventa poetica

176 voti Non è raro imbattersi, soprattutto negli ultimi anni, a casi in cui la struttura pura del remake si è ibridata a quella del reboot e dell'adattamento: come nel caso dell' Assassinio sull'Orient Express di Kenneth Branagh , che conserva il look dei personaggi di Sidney Lumet ma evita di modificare la narrazione e rimane fedele ad Agatha Christie . O come nel caso del recente It di Andy Muschietti e… Inserita da silenzioinsala 1 dicembre 2017