L'eredità creativa e tecnologica di Leonardo da Vinci, a cura di Camilla Mineo e Chiara Canali, fino al 19 maggio 2019.

Sotto il segno di Leonardo, nell'anno che ne ricorda i 500 anni dalla scomparsa, e in vista delle celebrazioni di Parma Capitale italiana della Cultura 2020, prosegue fino al 19 maggio la quarta edizione di PARMA 360 Festival della creatività contemporanea, evento dedicato alle massime espressioni delle arti visive contemporanee e alla creatività giovanile.

Il ricco palinsesto, dal titolo L'eredità creativa e tecnologica di Leonardo da Vinci, propone al grande pubblico mostre ed eventi diffusi in città in luoghi istituzionali e privati, all'insegna della rigenerazione e della rifunzionalizzazione degli spazi urbani per un coinvolgimento attivo della cittadinanza e dei visitatori.

Nascono così, in dialogo con vie, quartieri e scorci storici e suggestivi di Parma, gigantesche installazioni, pale pittoriche, sculture cinetiche, carte disegnate a mano, proiezioni multimediali, percorsi olfattivi e realtà aumentata, che portano la firma di grandi artisti come Aqua Aura, Maria Cristina Carlini, Giuseppe Ciracì, Peter de Cupere, Duilio Forte, Michele Giangrande, Paolo Mezzadri, Alice Padovani, Enrico Robusti, oltre agli street artists che fanno capo al MAUA Museo di Arte Urbana Aumentata e agli otto artisti cinetici tedeschi Sebastian Hempel, Angelika Huber, Siegfried Kreitner, Pfeifer & Kreutzer, Carolin Liebl & Nikolas Schmid-Pfähler, Hans Schock, Björn Schuelke, Martin Willing.

La programmazione di PARMA 360 si completa con una mostra unica nel suo genere, che propone i mari di Sicilia tra reale e virtuale, dal titolo [In]accessibile Storie dagli abissi, esposta fino al 7 agosto presso APE PARMA MUSEO, il centro culturale ed espositivo ideato e realizzato da Fondazione Monteparma. Il progetto, a cura di Francesco Spaggiari, si snoda attraverso i temi della navigazione antica, degli scambi commerciali e delle battaglie navali, con particolare riferimento alla prima guerra punica, e crea un dialogo innovativo tra archeologia, arte e tecnologia per promuovere la valorizzazione e la conoscenza del patrimonio culturale subacqueo. L'allestimento propone per la prima volta un'inedita combinazione tra l'esposizione fisica di reperti archeologici provenienti dai fondali siciliani, l'avventura del loro ritrovamento e le soluzioni tecnologiche in grado di offrire un'esperienza immersiva. Scopo principale dell'evento è, infatti, rendere "accessibile l'inaccessibile" con il ricorso alla realtà aumentata e virtuale.

 

Informazioni al pubblico info@parma360Festival.it - www.parma360Festival.it

 

_©Angelo Antonio Messina