La storia de Le Tre Grazie di Antonio Canova

La storia de Le Tre Grazie di Antonio Canova

Questo gruppo di figure in marmo è stato realizzato per la Sculpture Gallery nell'abbazia di Woburn, nel Bedfordshire, ed era originariamente ospitato nel Tempio delle Grazie appositamente progettato.

Fu commissionato ad Antonio Canova da John Russel, sesto duca di Bedford, che visitò lo scultore nel suo studio a Roma nel 1814, e fu affascinato dal gruppo delle Tre Grazie che Canova aveva scolpito per l'imperatrice Giuseppina, la ex moglie di Napoleone Bonaparte. Era morta nel maggio di quell'anno e il Duca si offrì di acquistare il gruppo scultoreo da Canova, ma il figlio di Josephine lo reclamò, e quella versione è ora all'Ermitage, a San Pietroburgo.

Il Duca commissionò una seconda versione da Canova; questo fu iniziato nel 1814, terminato nel 1817, e installato a Woburn nel 1819. Canova arrivò in Inghilterra per supervisionare l'installazione. Nel Tempio la scultura è stata posizionata su un piedistallo adattato da un precedente basamento in marmo, con una parte superiore rotante.

Le Tre Grazie, celebrate nella letteratura e nell'arte classica, erano figlie di Giove (o Zeus nella mitologia greca) e compagnie delle Muse. Thalia (gioventù e bellezza) è accompagnata da Eufrosina (allegria) e Aglaia (eleganza).

Canova aveva prima raffigurato le Grazie in un dipinto del 1799, e altri disegni e anche un rilievo dei soggetti sono noti per essere stati eseguiti da lui all'incirca nello stesso periodo. Nel 1810 modellò uno schizzo in terracotta (Musée de Lyon, Francia), e nel 1812 l'imperatrice Josephine ordinò una scultura in marmo a grandezza naturale.

Il gruppo scultoreo di marmo di Canova si basa in definitiva sui suoi primi disegni del soggetto e su un modello di schizzo in terracotta molto simile. Il modello utilizzato era di intonaco a grandezza naturale, che esiste ancora nel Museo Canova di Possagno, in Italia. Questo ha dei punti di riferimento su di esso che sono stati usati per trasferire la composizione dall'intonaco al marmo.

Canova era responsabile del design originale del gruppo scultoreo, ma i suoi assistenti avrebbero lavorato grossolanamente il marmo. Poi, lo scultore stesso completò l'ultimo intaglio e assicurò che la superficie della pietra fosse finita in modo tale da far apparire la carne morbida delle figure e le relazioni armoniose tra le tre teste.

La versione leggermente precedente, ora a San Pietroburgo e allo stesso modo supervisionata dallo scultore, sebbene differisca in alcuni dettagli, esibisce un'alta qualità di scultura. Le copie furono fatte in marmo durante il XIX secolo dopo la morte dello scultore; questi tuttavia non mostrano lo stesso trattamento sensibile del marmo.

Con il contributo di LePietre.Srl

 

Attendere...