Diana di Versailles

Diana di Versailles

La Diana di Versailles è una statua in marmo leggermente sovradimensionata della dea romana Diana (in greco: Artemide) con un cervo. Attualmente si trova al Museo del Louvre, a Parigi. La statua è anche conosciuta come Diana à la Biche, Diane Chasseresse ("Diana cacciatrice"), Artemide dell'inseguimento e Artemide con in cervo. È una copia romana (I o II secolo d.C.) di un originale in bronzo greco perduto attribuito a Leochares, c. 325 a.C.

Storia
La statua è stata scoperta in Italia. Il sito del Louvre suggerisce il Tempio di Diana (Nemi): un antico santuario, mentre altre fonti sostengono la Villa di Adriano a Tivoli. Fu donato da Papa Paolo IV a Enrico II di Francia nel 1556 con un'allusione sottile ma inevitabile alla padrona del re, Diane de Poitiers.

Solo tra le statue esportate dall'Italia prima della seconda metà del XVII secolo, Diane Chasseresse acquistò una reputazione fuori dall'Italia equivalente ai capolavori del Belvedere o di Villa Borghese", sebbene i suoi ammiratori lo confondessero generalmente con l'Artemis di Efeso. Fu installato come elemento centrale del Jardin de la Reine esposto a ovest della Galerie des Cerfs a Fontainebleau; lì fu la mostra più prominente e tra le prime sculture romane ad essere vista in Francia.

Nel 1602 Enrico IV lo trasferì al Palais du Louvre, dove la Diana fu installata in una galleria appositamente progettata per riceverla, la Salle des Antiques (ora Salle des Caryatides). All'epoca i suoi restauri furono revisionati da Barthélemy Prieur. A Fontainebleau fu riprodotta la replica in bronzo di Prieur nel 1605 (Haskell e Penny 1981: 196), che fu posta su un alto piedistallo di marmo manierista sistemato dall'ingegnere idraulico Tommaso Francini, con cani da caccia in bronzo e teste di cervo che sputavano acqua da Pierre Briard, 1603, in un parterre circondato da un aranceto. Un'altra replica in bronzo a grandezza naturale fu fatta nel 1634 da Hubert Le Sueur per Carlo I d'Inghilterra, cognato di Luigi XIII.

La Diana fu installata nella Grande Galerie (Sala degli Specchi) di Versailles da Luigi XIV. Per Marly una copia di marmo fu eseguita da Guillaume Coustou nel 1710.

Come uno dei più grandi tesori della Francia, la Diane Chasseresse tornò al Louvre in Un VI della Prima Repubblica (1798). Fu restaurato ancora una volta, nel 1802, da Bernard Lange.
Una copia bronzea della statua, risalente al 1813, si trova ancora nei giardini di Fontainebleau.

Descrizione
Diana è rappresentata come una cacciatrice snella e maschile, alla presenza di un cervo. Guarda verso destra, forse verso un altro cervo, con il braccio destro sollevato nell'estrarre una freccia dalla faretra. Si vede che la sua mano sinistra tiene la parte di un arco, il resto mancante, in posizione per colpire; l'arco mancante trasforma l'immagine in una semplice pastorale da una simbologia di cacciatrice e preda. Indossa un piccolo chitone dorico, un himation intorno alla vita e sandali.

Repliche romane comparabili dello stesso modello, annotate dal sito web del Louvre, sono state trovate a Leptis Magna (Libia), ad Antalya (Turchia) e anche ad Annaba (Algeria)

Una replica in miniatura della statua si trovava sul mantello del camino nella sala di prima classe del Titanic. Nel 1986, Robert Ballard ha scoperto e fotografato la statua sul fondo del mare vicino alla sezione di prua del relitto.

Con il contributo di Le Pietre Srl

Attendere...