"Sento il dovere di esprimere i miei profondi sentimenti di partecipazione per la grave mancanza di risposta dinanzi ad un fatto di sangue così grave".

A 10 anni dalla morte di Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore, ucciso a colpi di pistola nel suo paese, per mano "sconosciuta", il Presidente del Consiglio Conte invia una lettera al fratello Dario.

Nella lettera - di cui riferisce la Repubblica - il presidente Conte, che non potrà essere presente alla "Festa della Speranza", fissata per il 5 settembre e organizzata da Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo-Sindaco Pescatore, ha ricordato la figura di Angelo Vassallo.

"Suo fratello Angelo era stato per 15 anni sindaco di Pollica, impegnandosi fino al sacrificio della vita per la legalità, per il rispetto delle regole e delle istituzioni, per garantire gli interessi e la libertà dei cittadini, per combattere senza cedimenti la criminalità organizzata. Ha svolto il suo compito con orgoglio, coraggio e straordinaria integrità morale, costituendo un esempio non solo per i cittadini del suo territorio cilentano, ma per l'intero Paese"."Fin da subito - spiega Dario Vassallo - avevamo deciso di invitare solo il presidente del Consiglio Conte alla Festa della Speranza, anche in considerazione del fatto che la manifestazione si sarebbe svolta in piena campagna elettorale. Il pericolo che i politicanti di professione avessero potuto strumentalizzare la manifestazione era troppo grande". "Vogliamo la verità sulla morte di mio fratello - conclude Vassallo -. A dieci anni dal suo assassinio, è ormai chiaro che pezzi importanti delle istituzioni hanno contribuito ad insabbiare e deviare le indagini. Chiediamo da tempo una commissione parlamentare d'inchiesta che faccia piena luce su tutta la vicenda".