Alcune delle dichiarazioni di papa Francesco nella conferenza stampa al ritorno dalla GMG di Panama

Alcune delle dichiarazioni di papa Francesco nella conferenza stampa al ritorno dalla GMG di Panama

Nella consueta conferenza stampa tenuta di ritorno da un viaggio apostolico, in questo caso da Panama per la 34.esima GMG, papa Francesco ha trattato alcuni temi delicati che riguardano la Chiesa e, come sempre in queste occasioni, ha risposto con estrema franchezza .

Tra i temi trattati, queste le dichiarazioni del Papa sul celibato dei preti, l'educazione sessuale nelle scuole, il problema dell'aborto e quello degli abusi sessuali.


Alla domanda se per lui sarebbe stato possibile in futuro permettere a degli uomini sposati di diventare preti nella Chiesa cattolica di rito latino, come avviene nelle Chiese orientali, papa Francesco ha risposto in questo modo.

«Nella Chiesa cattolica di rito orientale possono farlo, si fa l'opzione celibataria o di sposo prima del diaconato. Per quanto riguarda il rito latino, mi viene alla mente una frase di san Paolo VI: "Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato".Questo mi è venuto in mente e voglio dirlo perché è una frase coraggiosa, lo disse nel 1968-1970, in un momento più difficile di quello attuale. Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa e non sono d'accordo a permettere il celibato opzionale. No. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nei posti lontanissimi, penso alle isole del Pacifico, ma è qualcosa da pensare quando c'è necessità pastorale. Il pastore deve pensare ai fedeli.C'è un libro di padre Lobinger, interessante, è una cosa in discussione fra i teologi, non c'è una decisione mia. La mia decisione è: no al celibato opzionale prima del diaconato. È una cosa mia, personale, ma io non lo farò, questo è chiaro. Sono uno chiuso? Forse, ma non sento di mettermi davanti a Dio con questa decisione.Padre Lobinger dice: la Chiesa fa l'eucaristia e l'eucaristia fa la Chiesa. Ma dove non c'è eucaristia né la comunità - pensi alle isole del Pacifico - Lobinger chiede: chi fa l'eucaristia? I direttori e gli organizzatori di quelle comunità sono diaconi o suore o laici.Lobinger dice: si potrebbe ordinare prete un anziano sposato, questa è la sua tesi. Ma che eserciti solo il munus sanctificandi, cioè celebri la messa, amministri il sacramento della riconciliazione e dia l'unzione degli infermi. L'ordinazione sacerdotale dà i tremunera: il munus regendi (il pastore che guida), il munus docendi (il pastore che insegna), e il munus sanctificandi. Il vescovo gli darebbe solo licenza per il munus sanctificandi. Questa è la tesi, il libro è interessante e forse questo può aiutare a come rispondere al problema.Credo che il tema debba essere aperto in questo senso per i luoghi dove c'è un problema pastorale per la mancanza dei sacerdoti. Non dico che si debba fare, non ci ho riflettuto, non ho pregato sufficientemente su questo. Ma i teologi ne discutono, devono studiare.Parlavo con un officiale della Segreteria di Stato, un vescovo che ha dovuto lavorare in un Paese comunista all'inizio della rivoluzione, e quando hanno visto come arrivava quella rivoluzione negli anni '50, i vescovi hanno ordinato di nascosto dei contadini, bravi e religiosi. Poi passata la crisi, trent'anni anni dopo, la cosa si è risolta. E lui mi diceva l'emozione che aveva avuto quando in una concelebrazione vedeva questi contadini con mani da contadino mettersi il camice per concelebrare con i vescovi. Nella storia della Chiesa questo si è verificato. È una cosa da pensare e su cui pregare. Infine avevo dimenticato di citare l'Anglicanorum coetibus di Benedetto XVI, per i sacerdoti anglicani che sono diventati cattolici mantenendo la loro vita come se fossero orientali. Ricordo a un'udienza del mercoledì, ne ho visti tanti col colletto e con tante donne e bambini».

Tutto questo, non dimenticando che il Papa proviene dai Gesuiti: c'è da chiedersi, infatti, se le sue parole comprendano anche i preti che solo dopo esser stati ordinati si sono poi sposati.


Questo, invece è ciò che il Papa ha detto sull'aborto.

«Il messaggio della misericordia è per tutti, anche per la persona umana che è in gestazione. Dopo questo fallimento, c'è pure misericordia. Ma una misericordia difficile, perché il problema non è dare il perdono ma accompagnare una donna che ha preso coscienza di avere abortito. Sono drammi terribili.Una donna quando pensa quello che ha fatto… Bisogna essere nel confessionale, lì devi dare consolazione e per questo ho concesso a tutti i preti la facoltà di assolvere l'aborto per misericordia. Tante volte, ma sempre, loro devono “incontrarsi” con il figlio.Io tante volte, quando piangono e hanno questa angoscia, le consiglio così: tuo figlio è in cielo, parla con lui, cantagli la ninna nanna che non hai potuto cantargli. E lì si trova una via di riconciliazione della mamma col figlio. Con Dio, la riconciliazione c'è già, Dio perdona sempre. Ma anche lei deve elaborare quanto è accaduto.Il dramma dell'aborto, per capirlo bene, bisogna stare in un confessionale. Terribile».


Parlando di aborto, non poteva mancare il tema delle gravidanze precoci: solo a Panama sono state diecimila lo scorso anno. Qual è l'opinione del Papa sull'educazione sessuale nelle scuole?

«Credo che nelle scuole bisogna dare l'educazione sessuale. Il sesso è un dono di Dio non è un mostro. È il dono di Dio per amare e se qualcuno lo usa per guadagnare denaro o sfruttare l'altro, è un problema diverso.Bisogna offrire un'educazione sessuale oggettiva, come è, senza colonizzazioni ideologiche. Perché se nelle scuole si dà un'educazione sessuale imbevuta di colonizzazioni ideologiche, distruggi la persona. Il sesso come dono di Dio deve essere educato, non con rigidezza. Educato, da “educere”, per far emergere il meglio della persona e accompagnarla nel cammino.Il problema è nei responsabili dell'educazione, sia a livello nazionale che locale come pure di ciascuna unità scolastica: che maestri si trovano per questo, che libri di testo... Io ne ho visti di ogni tipo, ci sono cose che fanno maturare e altre che fanno danno. Dico questo senza entrare nei problemi politici di Panama: bisogna avere l'educazione sessuale per i bambini.L'ideale è che comincino a casa, con i genitori. Non sempre è possibile per tante situazioni della famiglia o perché non sanno come farlo. La scuola supplisce a questo, e deve farlo, sennò resta un vuoto che viene riempito da qualsiasi ideologia».


Sulla crisi degli abusi, Francesco ha parlato della necessità di fornire ai vescovi un'indicazione univoca di come agire dopo esser venuti a conoscenza di un problema nelle loro diocesi.

«L'idea di questo incontro è nata nel C9 perché noi vedevamo che alcuni vescovi non capivano bene o non sapevano che cosa fare o facevano una cosa buona e un'altra sbagliata. Abbiamo sentito la responsabilità di dare una “catechesi” su questo problema alle conferenze episcopali e per questo si chiamano i presidenti degli episcopati.Primo: che si prenda coscienza del dramma, di che cos'è un bambino o una bambina abusata. Ricevo con regolarità persone abusate. Ricordo uno: 40 anni senza poter pregare. È terribile, la sofferenza è terribile. Secondo: che sappiano che cosa si deve fare, qual è la procedura. Perché talvolta il vescovo non sa che cosa fare. È una cosa che è cresciuta molto forte e non è arrivata dappertutto.E poi che si facciano dei programmi generali ma che arrivino a tutte le conferenze episcopali: su ciò deve fare il vescovo, ciò che devono fare l'arcivescovo metropolita e il presidente della conferenza episcopale. Che ci siano dei protocolli chiari. Questo è l'obiettivo principale.Ma prima delle cose che si devono fare, bisogna prendere coscienza. Lì, all'incontro, si pregherà, ci sarà qualche testimonianza per prendere coscienza, qualche liturgia penitenziale per chiedere perdono per tutta la Chiesa. Stanno lavorando bene nella preparazione dell'incontro. Io mi permetto di dire che ho percepito un'aspettativa un po' gonfiata.Bisogna sgonfiare le aspettative a questi punti che vi ho detto, perché il problema degli abusi continuerà, è un problema umano, dappertutto. Ho letto una statistica l'altro giorno. Dice: il 50 per cento dei casi è denunciato, e solo nel 5 per cento di questi c'è una condanna. Terribile. È un dramma umano di cui prendere coscienza.Anche noi, risolvendo il problema nella Chiesa, aiuteremo a risolverlo nella società e nelle famiglie, dove la vergogna fa coprire tutto. Ma prima dobbiamo prendere coscienza e avere i protocolli».

Categoria Esteri
Attendere...