Alla scoperta di Selinunte

Alla scoperta di Selinunte

Una delle più grandi tragedie del mondo, dimenticata per quasi 2500 anni, sta finalmente svelando i suoi segreti perduti da tempo.

Gli archeologi stanno gradualmente dissotterrando un'antica città greca - Selinunte in Sicilia - i cui abitanti furono massacrati o resi schiavi dagli invasori nordafricani alla fine del V secolo ac.

Come un'antica Pompei greca, l'intera città è rimasta almeno in parte intatta, nonostante la tragica perdita della maggior parte dei suoi abitanti.

A Pompei tutte le case e gli altri edifici furono sepolti quasi istantaneamente sotto la cenere vulcanica - ma a Selinunte furono sepolti più gradualmente da centinaia di migliaia di tonnellate di terra e sabbia soffiata dal vento.

Gli scavi archeologici stanno ora rivelando come il momento esatto in cui Selinunte abbia cessato di esistere come una grande città vivente, sia stato conservato in dettaglio grafico.

Seppelliti sotto un tetto crollato di un edificio bruciato dagli invasori, gli archeologi hanno persino trovato i resti di cibo mangiato a metà abbandonati dagli abitanti della città quando la catastrofe li ha inghiottiti. Gli scienziati stanno ora analizzando i residui di cibo visibili all'interno di una mezza dozzina di ciotole lasciate intorno a un focolare in quell'edificio.

Inoltre, gli archeologi hanno anche trovato dozzine di prodotti ceramici non utilizzati - pentole e tegole - abbandonati da lavoratori locali terrorizzati, prima che avessero avuto la possibilità di metterli nelle loro fornaci.

Negli ultimi 15 anni, utilizzando tecniche geofisiche e talvolta scavi, l'indagine archeologica ha finora identificato tutte le 2500 case della città abbandonate da tempo, tutte le sue strade, il suo porto e la sua zona industriale un tempo fiorente. È la prima volta che gli archeologi sono stati in grado di produrre una pianta dettagliata completa, di come fosse una città greca classica. In precedenza, gli archeologi erano stati in grado di ottenere una analisi relativamente frammentaria di come queste città apparivano e funzionavano.

Ma le nuove conoscenze di Selinunte hanno iniziato a trasformare la comprensione degli studiosi di alcune delle principali realtà demografiche ed economiche del mondo antico nel suo insieme.

Perché, prima dell'indagine Selinunte, nessuno era mai stato in grado di contare il numero esatto di case in una città greca classica, quindi gli studiosi non erano in grado di determinare con sicurezza le popolazioni di tali città.

Selinunte è anche la prima città greca classica in cui gli archeologi sono riusciti a ottenere una comprensione completa di un'antica zona industriale, permettendo così di analizzare più a fondo la complessa relazione tra la popolazione di una città e la sua economia.

Selinunte è l'unica città greca classica in cui l'intera metropoli è ancora preservata, principalmente sepolta sotto terra e sabbia. "Ci offre quindi un'opportunità unica per scoprire come funzionava un'antica città greca", ha affermato il professor Martin Bentz dell'Università di Bonn, direttore del principale scavo in corso a Selinunte.

Gli scavi nel sito stanno ora scoprendo forni e laboratori completi di attrezzature per la produzione di ceramica e persino i pigmenti usati per dipingere le pentole.

Finora sono stati identificati circa ottanta forni, tra cui dozzine di forma circolare molto grandi (usati per produrre migliaia di tegole e contenitori per il trasporto di alimenti ceramici di grandi dimensioni) e una dozzina di forma rettangolare sempre di grandi dimensioni, dedicati alla produzione di giganteschi contenitori per alimenti in ceramica e bare in ceramica! Altre fornaci più piccole erano usate per preparare stoviglie fini, pesi da telaio e piccole statue di divinità.

 

Contributo scritto da Le Pietre

 

Attendere...