Il fenomeno migrazioni nel Mediterraneo non riguarda solo l'Italia, ma anche la Spagna e soprattutto la Grecia

Il fenomeno migrazioni nel Mediterraneo non riguarda solo l'Italia, ma anche la Spagna e soprattutto la Grecia

Il 28 settembre, nel Mediterraneo occidentale, si è verificato un naufragio vicino a Casablanca, in Marocco. Dopo il naufragio sono stati recuperati 7 corpi, con i sopravvissuti che erano solo in 3. Questa settimana, in relazione a quel naufragio, sono stati trovati altri 5 corpi, portando le vittime a 12. Ma secondo Alarm Phone, che ha dato la notizia, poiché la barca sembra aver trasportato diverse dozzine di persone, si teme che le vittime siano molte più di 12.

Sull'altra sponda del Mediterraneo, in Grecia, la scorsa settimana 2 migranti sono morti nel campo di Moria, dove vivono 13mila persone in uno spazio progettato per ospitarne al massimo 3mila.

E per capirne il perché, basti ricordare che in Grecia, negli ultimi 3 mesi sono stati 25mila gli arrivi di migranti provenienti dall'Est.

Pertanto il traffico di migranti nel Mediterraneo Centrale, al confronto, è risibile. Nonostante ciò, in Italia, ci sono invece dei politici come Matteo Salvini che fanno finta di dar di matto per l'arrivo di poche centinaia di persone che sbarcano autonomamente sulle coste della Sicilia, ed in particolare di Lampedusa, dimenticandosi oltretutto che quegli sbarchi avvenivano anche quando lui era al Viminale... con la sola differenza che in quel momento non ne parlava, facendo finta che non avvenissero!

Sbarchi di poche decine di persone che provengono soprattutto dalla Tunisia e che, per la quasi totalità, in Tunisia verranno rimandate. Nonostante ciò, il propagandista Salvini continua la sua opera di incitamento all'odio razziale facendo credere che, non essendoci lui al Viminale, adesso l'Italia starebbe per essere invasa.

Categoria Esteri
Attendere...