La stampa a ultravioletti

La stampa a ultravioletti

La stampa UV - e più specificamente la stampa a getto d'inchiostro UV-LED - è in circolazione da molti anni. Tuttavia, è stato solo negli ultimi 2-3 anni che l'industria ha visto diverse aziende fabbricare una stampante flatbed di piccolo formato (SF), entry-level che si presterebbe ad un'accettazione generalizzata nel mercato della personalizzazione.

Per prima cosa, definiamo cos'è la stampa a getto d'inchiostro diretta UV-LED. In questo processo vengono utilizzati inchiostri ultravioletti (UV) . Gli inchiostri UV si polimerizzano e si asciugano quasi istantaneamente se esposti a luce con una specifica lunghezza d'onda. Nel caso delle stampanti SF UV, viene utilizzato un diodo ad emissione luminosa (LED). I LED vengono utilizzati in molte applicazioni, dai televisori all'illuminazione domestica e il loro utilizzo si espande man mano che i loro costi di produzione diminuiscono. I vantaggi delle stampanti dirette SF sono le ridotte dimensioni, la capacità di accendersi e spegnersi istantaneamente, la lunga durata operativa (da 10.000 a 20.000 ore) e il calore ridotto dalla fonte di luce. Senza una sorgente LED che offre questi vantaggi, le stampanti UV SF non sarebbero possibili.

Perché le aziende di stampa e personalizzazione si avvalgono di questo stile di stampa a getto d'inchiostro? Le stampanti a getto d'inchiostro UV offrono numerosi vantaggi rispetto alle tecnologie precedenti, come le stampanti a getto d'inchiostro a solvente. Ecco quattro vantaggi chiave:

Inchiostro bianco opaco
Come sanno i rivenditori al dettaglio, ci sono molti prodotti che devono essere digitalizzati o contrassegnati. La stragrande maggioranza di questi prodotti non è bianca. La stampa digitale a colori a quadricromia completa o CMYK (ciano, magenta, giallo e blacK) richiede uno sfondo bianco o un substrato per vedere cosa è stato stampato. In assenza di un substrato bianco e senza un bianco opaco per "underbase" su CMYK, l'immagine stampata è di colore sbagliato o non può essere visualizzata affatto nel caso di un substrato nero.

La maggior parte delle stampanti UV-LED offre teste sfalsate o stampa in linea offrendo un'opzione di inchiostro bianco in modo da poter stampare rapidamente e con precisione un livello bianco come primo livello. Molte aziende offrono anche software in grado di intrappolare o ridurre automaticamente lo strato bianco in modo che nessuno di essi venga visto ad occhio nudo.

Vasta gamma di substrati che accettano gli inchiostri UV
Gli inchiostri UV offrono una delle più ampie opzioni di substrato per l'imaging. Poiché la stampa UV non si basa sull'assorbenza del substrato per dettare il guadagno del punto o la risoluzione dell'immagine (come la necessità di una carta fotografica per la stampante domestica desktop), la qualità dell'immagine UV su molti substrati diversi è coerente e di alta qualità . L'accettabilità del substrato è giudicata in base all'adesione. Nel caso di alcuni substrati come vetro, metalli nudi, piastrelle, ceramiche smaltate e polipropilene, viene spesso utilizzato un primer o un promotore di adesione per assicurare una buona adesione degli inchiostri al substrato. Molti altri substrati, tra cui legno, acrilici, acrilonitrile-butadiene-stirene (ABS), policarbonato, pelle, vinile e metalli verniciati o rivestiti, non richiedono alcuna preparazione e offrono una buona adesione per gli inchiostri UV. Recentemente, sono stati introdotti sul mercato più prodotti personalizzati, come i metalli rivestiti, per le stampanti UV per evitare il passaggio supplementare dell'applicazione del promotore di primer / adesione.

Manutenzione dell'ugello / testina a getto d'inchiostro ridotto
Gli inchiostri a getto d'inchiostro UV richiedono meno manutenzione per la pulizia degli ugelli e della testina di stampa. Ciò è dovuto in gran parte al loro trucco, che ha poco o nessun contenuto di composti organici volatili (VOC, comunemente noto come solventi). Di conseguenza, gli inchiostri inkjet UV non si basano sull'evaporazione per la polimerizzazione e l'essiccazione, quindi non si "asciugano" negli ugelli, intasando la testina di stampa. Più dell'85% del volume del liquido dell'inchiostro UV che è a getti finisce sul substrato. Al contrario, gli inchiostri inkjet a solvente contengono livelli elevati di VOC. Più dell'85% del volume di liquido che viene erogato da una testina di stampa solvente non rimane sul substrato. Questo volume liquido consiste in un'alta concentrazione di VOC e viene evaporato nell'aria. Questa stessa velocità di evaporazione esiste nella testina di stampa e negli ugelli quando sono esposti all'aria. Ciò può contribuire nel tempo agli ugelli ostruiti.

Qualità e durata della stampa finita
La qualità delle immagini delle stampanti UV SF è molto alta e costante anche se confrontata con diversi tipi di substrati. La risoluzione può arrivare fino a 5.760 dpi con dimensioni delle gocce inferiori a 1,5 picolitri. Gli inchiostri UV, una volta induriti, sono estremamente resistenti. Spesso vengono descritti come inchiostri "di plastica liquida". Una volta stabilita la corretta adesione al substrato, la resistenza ai solventi e all'abrasione è molto buona Ad esempio, molti inchiostri UV sono impermeabili a solventi forti come l'acetone. Gli inchiostri UV sono anche stabili ai raggi UV se esposti alla luce solare poiché contengono pigmenti come coloranti. Ciò rende gli inchiostri UV adatti per molte applicazioni esterne.

 

Inoltre la stampa UV-LED non è lenta. Nelle modalità di produzione, è possibile ottenere la marcatura a colori o l'imaging su una stampante UV SF a risoluzioni di 720 x 1440 dpi che imprimeranno 80 pollici quadrati in circa 1 minuto. 

Una caratteristica esclusiva delle stampanti a getto d'inchiostro UV è la possibilità di creare un'immagine strutturata o in rilievo. Come discusso in precedenza, gli inchiostri UV si polimerizzano quasi istantaneamente se esposti alla corretta fonte di luce. Poiché la sorgente luminosa a LED è montata accanto alla testina di stampa, gli inchiostri vengono polimerizzati in pochi secondi dopo essere atterrati sulla superficie del substrato. Utilizzando questa tecnologia, i produttori di queste stampanti offrono ora la possibilità di strutturare un'immagine. Questo è simile a una funzione di goffratura. Questa nuova tecnologia offre all'operatore la possibilità di sollevare qualsiasi parte dell'immagine per creare un aspetto tridimensionale. 

Ci sono stati molti nuovi sviluppi in questo campo negli ultimi 2 anni, e continueranno ad essere introdotte nuove e più interessanti funzionalità.

 

Con il contributo di Personalizzatela Franchising

Attendere...