Hsing Nu, il popolo adoratore delle stelle

80 voti Gli Hsing Nu abitavano una regione del Tibet settentrionale, a sud della grandiosa catena del Kun Lun, una zona ora desertica, in gran parte inesplorata. Non erano d’origine cinese: si pensa fossero arrivati laggiù dalla Persia o dalla Siria; i rinvenimenti effettuati, infatti, ci riportano ad Ugarit e, in particolare, alle raffigurazioni del dio Baal, dal lungo elmo conico e dal corpo ricoperto… Inserita da Gaetano 1 giorno e 10 ore fa

Un’occhiata ai “Pilastri della Creazione”

53 voti I pilastri sono una specie di “nursery stellare”, dove nascono stelle e pianeti, a circa 6/7 mila anni luce da noi. In questo enorme ambiente vengono create e distrutte numerose stelle, osservate per la prima volta grazie al Telescopio Hubble nel 1995 e fotografate di nuovo, con una fotocamera moderna, nel 2014. La bellezza evocativa dell’immagine sopra, che è immensamente più grande di qualsiasi… Inserita da Gaetano 1 giorno e 10 ore fa

Salvatore Giuliano, l’ultimo brigante di Sicilia

96 voti Ferito da due dei molti colpi di fucile che i gendarmi gli sparano, egli estrae la pistola che prudenzialmente porta con sé per difendersi da eventuali incontri con i briganti e fa fuoco uccidendo accidentalmente uno degli inseguitori. Riesce a trascinarsi in un bosco facendo perdere le proprie tracce, ma da quel momento la sua vita è segnata. Soccorso da alcuni contadini e poi dai suoi familiari… Inserita da Gaetano 3 giorni fa

Salvatore Quasimodo, scrittore e poeta

66 voti Nel ’38 lascia il Genio civile e diventa giornalista. Dal ’36 al ’42 raccoglie Nuove poesie, con cui cerca di ritornare al felice equilibrio di Acque e terre. La raccolta più importante di Nuove poesie è Ed è subito sera. In questo recupero della sua poetica più autentica è stato senza dubbio aiutato dalle sue traduzioni dei lirici greci (1940), che in parte lo hanno allontanato dallo stile… Inserita da Gaetano 3 giorni fa

Bernadette Soubirous e le apparizioni di Lourdes

105 voti Dice Bernadette a Jean Baptiste Estrade : ”La Signora mi guardò, mi sorrise e mi fece cenno di avanzare, come se fosse stata la mia mamma. La paura mi era passata, ma mi sembrava di non saper più dove fossi. Mi stropicciai gli occhi, li chiusi, li apersi; ma la Signora era sempre là, che continuava a sorridermi e a farmi capire che non mi ingannavo… Inserita da Gaetano 6 giorni fa

Andrea del Sarto (1486-1530)

93 voti Allievo di Piero di Cosimo, influenzato da Leonardo da Vinci e da Raffaello, è un classicista per eccellenza. Disegnatore “senza errori” (scrive il Vasari), mescola il formalismo romano, la dolcezza dello sfumato leonardesco e la luminosità del colore veneto dimostrando così uno stato di ricerca e di “crisi” che volge al Manierismo. Non a caso nella sua bottega lavoreranno il Pontormo, il Rosso e… Inserita da Gaetano 8 giorni fa

I Diòscuri, i gemelli figli di Zeus

81 voti Castore e Polluce furono due degli Argonauti, gli eroi che parteciparono alla ricerca del Vello d’oro: Polluce – già celebrato come grande pugile – sconfisse in una gara di questa disciplina il re dei Bebrici, Amico. Poco tempo dopo i gemelli diedero vita alla città eponima di Dioscuria, collocata secondo il mito in Colchide. Inoltre presero parte alla lotta contro Teseo, che aveva rapito la loro… Inserita da Gaetano 8 giorni fa

Dissertazione sulle “streghe”

88 voti La strega è colei che ha ceduto alle lusinghe del maligno per sete di potere la strega per tanto è una peccatrice agli occhi della chiesa, essendo uscita o avendo rinunciato alla grazia divina. Le streghe furono sottoposte ad una tremenda caccia da parte di un clero, ovviamente ignorante, e o da dicerie contadine che attribuivano ad esse i malesseri dovuti a scarsi raccolti o a malattie talvolta… Inserita da Gaetano 10 giorni fa

8 febbraio, la Chiesa ricorda Madre Moretta (Santa Giuseppina Bakhita, 1869-1947)

84 voti Giunti a Genova, il Signor Legnani, su insistente richiesta della moglie del Michieli, accettò che Bakhita rimanesse con loro. Ella seguì la nuova «famiglia» nell’abitazione di Zianigo (frazione di Mirano Veneto) e, quando nacque la figlia Mimmina, Bakhita ne divenne la bambinaia e l’amica. L’acquisto e la gestione di un grande hotel a Suakin, sul Mar Rosso, costrinsero la signora Michieli a… Inserita da Gaetano 10 giorni fa

Le Cariti, chiamate dagli antichi romani Le Grazie

81 voti Esse accompagnavano volentieri Atena, dea dei lavori femminili e dell’attività intellettuale. Proprio loro, infatti, hanno tessuto con le loro mani la veste di Armonia. Seguivano anche Afrodite ed Eros, oltre che Dioniso. Erano compagne delle Muse, con le quali formavano talvolta dei cori, e presiedevano ai banchetti e a tutte le riunioni esprimenti letizia, giocondità, festa, armonia piacevole. Inserita da Gaetano 10 giorni fa

Ataturk (Mustafa Kemal)

102 voti Un pensiero di Mustafa Kemal : “Coloro che sono inclini al compromesso non potranno mai fare una rivoluzione. Con ragione ci definiamo nazionalisti, ma noi siamo nazionalisti che rispettano e onorano ogni nazione e che collaborano con ognuna, noi riconosciamo le rivendicazioni di tutte le nazioni. il nostro nazionalismo non è in nessun modo egoista e supponente. Il modo più sicuro di perdere la… Inserita da Gaetano 10 giorni fa

Da Lupercus Faunus a San Valentino

81 voti La festa di Lupercalia prevedeva, oltre alla rappresentazione nel Lupercale, anche una simpatica lotteria a sfondo amoroso e sessuale: i nomi delle giovani vergini da fecondare e quelli dei giovani aspiranti “uomini-lupo” erano posti in bigliettini dentro due appositi contenitori; i due fanciulli battezzati con il latte durante il rito lupercale pescavano a turno un bigliettino formando così le… Inserita da Gaetano 12 giorni fa

11 febbraio, Beata Vergine di Lourdes (le apparizioni)

93 voti L’11 febbraio 1858, la sua primogenita Bernardette, accompagnata dalla sorella ed un’amica si recarono presso la malsana grotta di Massabielle alla ricerca di legna per riscaldare la casa e di ossa da vendere per guadagnare qualche soldo per sopravvivere alla fame. Mentre Bernardette cercava di vincere la resistenza ad inoltrarsi in un luogo tanto malsano e per lei, affetta da asma, assai nocivo… Inserita da Gaetano 14 giorni fa

Krishna, l'avatar del dio Visnu

98 voti In seguito Krishna si meritò il soprannome di “Govinda“: “Vinda” vuol dire “protettore”, mentre “Go” vuol dire “terra”, “mucche” o entrambe le cose. “Govinda”, infatti, significa che Krishna protegge la terra, le mucche o entrambe le cose. La storia di tale soprannome è curiosa: un giorno gli abitanti di Vrindavana si accingevano a effettuare un sacrificio, l’Indra-puja, per assecondare la volontà… Inserita da Gaetano 14 giorni fa