Caso Regeni: ora è l'Egitto ad accusare l'Italia

Caso Regeni: ora è l'Egitto ad accusare l'Italia

I rapporti di forza si sono invertiti. Nel drammatico caso Regeni, in cui l'Italia non riesce ad avere elementi indispensabili per chiarire le cause della morte del giovane ricercatore italiana torturato a Il Cairo, ora l'Egitto tenta di ribaltare la questione.

Dal Cairo arriva l'accusa agli italiani di voler "sfruttare" politicamente il caso di un ragazzo barbaramente torturato e ucciso "per questioni interne".

Roma, per bocca del premier Matteo Renzi e del  ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, insiste nella richiesta di "verità" a tutti i costidopo il fallimento registrato fino ad oggi nelle indagini e insiste in particolare nella richiesta dei tabulati telefonici, ritenuti indispensabili dai magistrati romani ma che Il Cairo non intende assolutamente consegnare perchè, sostiene, si violerebbe la costituzione e "la privacy"  di centinaia di migliaia di cittadini.

La beffa della privacy
"Le indagini investigative nel mondo si fanno molto spesso basandosi sui tabulati, sulle intercettazioni" e se non ci fossero "buona parte delle indagini che si fanno anche nei Paesi più attaccati alla privacy non si farebbero", ha ricordato dal Giappone Gentiloni.

Maggiori dettagli da un'altra fonte
THE BIRD
nella categoria Esteri
Attendere...