Insultarono Mattarella su fb, rischiano 15 anni di carcere

Insultarono Mattarella su fb, rischiano 15 anni di carcere

 


I reati ipotizzati sono attentato alla libertà e offesa all'onore e al prestigio del presidente della Repubblica. Gli insulti sul social network risalgono al conferimento dell'incarico a Cottarelli.

Sono 39 i profili Facebook finiti sotto inchiesta dopo la decisione dellaProcuradi Palermo di aprire un fascicolo per risalire agli autori delle minacce e degli insulti rivolti sui social al Capo dello Stato Sergio Mattarella nel giugno scorso. I titolari di alcuni account sono stati già identificati, altri sono in corso di identificazione da parte della Digos che sta cercando di accertare se i nomi degli autori dei post Fb e Twitter incriminati corrispondano a persone reali o siano dei fake.

Gli scritti minacciosi e offensivi riempirono i social dopo la decisione del Quirinale di affidare l'incarico per la formazione del Governo aCarlo Cottarelli.

Nel registro degli indagati finirono subito Manlio Cassarà, palermitano, che aveva postato «hanno ucciso il fratello sbagliato», riferendosi all'omicidio di Piersanti Mattarella, fratello del capo dello Stato, assassinato dalla mafia nel 1980; Michele Calabrese, autore di un post analogo, e Eloisa Zanrosso col «ti hanno ammazzato il fratello, non ti basta?».

I pm titolari dell'inchiesta, l'aggiunto Marzia Sabella e il sostituto Gery Ferrara, ipotizzano il reato di attentato alla libertà del presidente della Repubblica, offesa all'onore a e al prestigio del presidente della Repubblica, puniti fino a 15 anni di reclusione. Non è esclusa anche l'ipotesi di istigazione a delinquere.

Categoria Cronaca
Attendere...