Luciano Cannito e la Cultura

Luciano Cannito e la Cultura

Luciano Cannito e la Cultura

Riportiamo un estratto dell’intervento di Luciano Cannito di ieri, 23 settembre, nell’ambito del tradizionale appuntamento “Atreju 17” Tempo di Patrioti che – quest’anno – ne è il titolo e tema centrale.

Ora, prima di essere sommerso da valanghe di preconcetti, vi scrivo qui di seguito una brevissima sintesi di alcuni pensieri che condividerò nel mio intervento per Atreju alle Officine Farneto a Roma, sabato 23 alle 15.30. 
Se li giudicate fascisti, vi prego di dirmelo perché non vorrei essere arrestato, ma soprattutto spiegatemi il perché.

"Non esiste convegno, dibattito, incontro al vertice, intervista pubblica, senza che prima o poi non venga fuori il fatto che l’Italia è la nazione con il più grande patrimonio culturale del pianeta Terra. 
Bello, bellissimo. Ormai lo abbiamo imparato tutti.
Ne siamo orgogliosi, ne siamo felici.
E poi?
E poi niente.

Nessuno che abbia mai pensato a trasformare questo famoso, immenso patrimonio culturale in risorsa economica trascinante, rivoluzionaria.
Esiste un Ministero dello "sviluppo" Economico, che però, a mia memoria, non ha mai investito un centesimo in "sviluppo" del patrimonio culturale...
Il budget dedicato alla cultura in Italia? Il più basso d'Europa ed uno dei più bassi del mondo occidentale.

Voi mi direte “che c’entra questo con il patriottismo?”.
E invece c’entra eccome.
In realtà forse tutto parte proprio da lì.

Mi spiego meglio.
L’italia, per secoli è stata un pezzo di Spagna, un pezzo di Francia, un pezzo d’Austria.
Le tasse? Erano soldi che andavano alla Spagna, Francia, Austria. 
Ricordate le famose 3 F? 
Feste, Farina e Forca.
Solo questo era dovuto agli italiani: feste, farina e forca. E’ così che governavano i vicerè e consimili pupazzi di potere messi lì da regni stranieri.
Secoli di dominazioni straniere che hanno offuscato il nostro senso di Patria. Secoli e secoli di vessazioni dove solo lo spirito di adattamento e scaltrezza potevano aiutate gli Italiani a cavarsela. Ovvio che qualcosa del genere si sarebbe sedimentato nei secoli.
E poi ci vengono a raccontare che ci manca il senso della res publica? La cosa pubblica, il senso che tutto quello che è intorno a noi è nostro e di nostra responsabilità?
Gli inglesi e i francesi ce l’hanno da più di mille anni. 
Noi italiani da 150.

La lingua, il teatro, la letteratura, l’architettura, la musica, la danza, il cinema, la pittura, la scultura, in una parola la CULTURA, sono stati l’unico appiglio a cui aggrapparci per conservare il nostro senso di identità di nazione. Il nostro senso di Patria.

Oggi tutte le nazioni del mondo occidentale (ma in realtà anche quelle delle economie emergenti dei paesi asiatici), stanno investendo risorse straordinarie per la tutela delle loro identità culturali. Identità che danno il senso di Patria. Identità che danno il senso delle proprie tradizioni, della propria storia.

La CULTURA ha salvato la nostra Patria? 
Cosa fa oggi l’Italia per salvare la nostra CULTURA?"

Luciano Cannito


Perchè il nome Atreju? Perchè è il protagonista del romanzo “La Storia infinita” di Michael Ende che combatte contro un nemico subdolo che attacca le giovani generazioni e le spoglia di valori ed ideali: le forze del Nulla. 

Luciano Cannito ha ripreso, di fronte ad una sala gremita ed attenta, un tema a lui caro e che ha sempre contraddistinto la sua attività professionale; l’oscurantismo culturale che toglie ai nostri giovani ogni spinta e possibilità di vivere le proprie passioni, i propri sogni artistici, siano essi dedicati alla pittura, al teatro, al cinema, alla Danza.

Solo una cieca o strumentale politica può guidare scelte di questo tipo che, nel tempo, producono assenza di valori, appiattimento culturale e di scarso rilievo, incapacità di esaltare il nostro ricco patrimonio culturale portandolo al disfacimento.

La voce di Luciano Cannito ha messo tutti noi in guardia dall’accettare supinamente tale atteggiamento e, aggiungo, le nostre nuove generazioni non possono essere solamente “piegate” ad un utilizzo esaltato dei soli Social ma meritano di godere intensamente e diffusamente della fruizione delle loro spinte artistiche.

Significativi messaggi sono stati lanciati dall’oratore su temi riguardanti la colpevole chiusura di teatri, di istituzioni culturali che sono i luoghi deputati – per eccellenza – alla sana crescitadei nostri giovani.

Le Istituzioni non investono in cultura e formazione culturale dimenticando che l’identità di un popolo è dato non soltanto da una lingua comune ma anche e soprattutto dalla trasmissione ai giovani di un senso del bello, dalla cultura, dell’arte; tutti noi dobbiamo renderci paladini per la difesa della nostra millenaria cultura attraverso le sue varie espressioni. Perseguendo invece la politica dei mancati investimenti in cultura si tolgono le primarie motivazioni ai giovani.

Mi è ora naturale citare, per similitudine, l’Oscar della Danza fortemente voluto da Luciano Cannito che ha voluto finalmente “aprire” al mondo dei giovani danzatori sconosciuti una ribalta importante ed inaspettata.

Altrettanto significativa è l’esemplificazione che l’oratore cita al termine del suo intervento per far rilevare l’assenza di investimenti e la scarsa capacità istituzionale di esaltare le nostre ricchezze artistiche quali, ad esempio, l’Area Sacra di Largo di Torre Argentina a Roma dove fu ucciso Giulio Cesare:

https://it.wikipedia.org/wiki/Largo_di_Torre_Argentina

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/giulio-cesare-trovato-punto-esatto-cui-fu-pugnalato-bruto-845833.html

Il visitatore, invece di trovare una apposita ed efficiente organizzazione volta a massimizzare la visita dell’Area Sacra, trova invece diversi cartelli che così recitano: “Vietato dar da mangiare ai gatti”

E’ doloroso, come mette in evidenza Luciano Cannito, dover invece constatare che l’eccellente ed invidiabile macchina organizzativa pubblica/privata che a Londra gestisce il Museo delle Cere (altrimenti detti il museo dei pupazzi) di Madame Tussauds incassa ogni anno l’incredibile cifra di 630 milioni di euro (al plurale euri perchè sono veramente tanti!).

E noi?

Impastoiati in infinite difficoltà burocratiche e politiche, incapaci (volutamente?) di mettere in campo le migliori energie professionali, le più ardite e valide menti culturali che vogliono oltrepassare i consueti e desueti schemi della vigente “fruizione culturale”.

Mi chiedo, unendomi a Luciano Cannito, è questo il modello culturale offerto ai nostri giovani?

La Macina
nella categoria Cultura e Spettacolo
Attendere...