La CEI... che tempismo!

La CEI... che tempismo!

In questi giorni il papa era a Dublino, dove nel corso delle manifestazioni "per la Famiglia" è stato costretto all'ennesimo mea culpa e all'ennesima richiesta di scuse per gli innumerevoli casi di pedofilia che con cadenza quasi quotidiana, stanno emergendo, o riemergendo dal passato, sia in Irlanda che nel resto del mondo.

La Chiesa è stretta nell'angolo in quanto percepisce che sta crescendo esponenzialmente il numero di coloro che, di fronte non più ad una enumerazione aritmetica di singoli casi di preti pedofili ma ad una quantificazione ormai in percentuale, cominciano a chiedersi cosa accada realmente al suo interno, cosa si insegni nei seminari, che atmosfere si vivano nelle diocesi, nelle curie, nei collegi, nelle parrocchie.

Momento difficilissimo dagli esiti imponderabili e potenzialmente letali per la credibilità dell'istituzione e quindi con gravi ripercussioni sul numero delle offerte dei lasciti delle donazioni.

Che fare per cercare di risalire la china? Ecco il colpo di genio: i migranti bloccati a Catania sulla Nave Ubaldo Diciotti, un caso diventato ormai di risonanza mondiale.

Dopo mesi e anni di altalena tra la cristiana indiscriminata accoglienza e i colpi di freno all' insegna de: "L' italia non può farsi carico di tutti, anche l' Europa deve fare la sua parte!" ora la CEI, improvvisamente e platealmente, si dichiara disposta ad accogliere i due terzi dei migranti "a sue spese" (sic!).

Giornali e TV non si lasciano pregare per annunciare urbi et orbi l'assunzione di responsabilità concreta dei Vescovi, ma sorvolano sul fatto che le "spese" la CEI le sosterrà non con fondi provenienti da qualche lucrosa ma inesistente attività della Chiesa, ma con quelli dei contribuenti italiani finanziatori del famoso 8x1000 del quale ci si dimentica quando si sottolinea quel "a spese della Chiesa".

Quindi grande risonanza mediatica, ottima per distogliere l'attenzione sulle scuse papali sull'altro preoccupante problema e segnare un colpo a proprio favore.

Un tempismo perfetto per l'applicazione dell'ormai nota ed efficace "distrazione di massa"!

Categoria Cronaca
Attendere...