Cassa integrazione fa rima con disoccupazione ma anche con disperazione, tre parole legate in uno Stato che non ha saputo farsi trovare pronto di fronte all'emergenza.

Si prevedono numeri catastrofici per la nostra economia ma dietro ci sono persone disperate, famiglie che non mangiano, burocrazia sempre più lenta.

Uno Stato come si deve previene al posto di curare, si assicura che tutti abbiano  i sussidi nel tempo giusto, fa sì che la macchina funzioni in tempi normali per arrivare pronto nel caso in cui si presentino necessità o emergenze.

In tutto ciò, l'italiano chiede una vicinanza che non ottiene.