La Pietà di Michelangelo

La Pietà di Michelangelo

Michelangelo è considerato il più grande genio artistico che sia mai esistito: un uomo il cui nome è diventato sinonimo della parola "capolavoro". Nato Michelangelo di Lodovico Buonarroti Simoni a Caprese, è cresciuto a Firenze, patria del Rinascimento italiano. Fu qui che ricevette la sua educazione sotto il patronato della famiglia de Medici. Le sue opere comprendono la famosa Pietà, David e gli affreschi mozzafiato sul soffitto della Cappella Sistina.

Come artista era ineguagliato, il creatore di opere di sublime bellezza che esprimono tutta la larghezza della condizione umana. Lasciò opere immortali in scultura, pittura, architettura e poesia. Attraverso questo campo vasto e sfaccettato di risultati artistici, Michelangelo ha lasciato un'impronta indelebile nell'immaginario occidentale. Nessun altro artista ha mai raggiunto un livello così alto di maestria in tutte queste quattro aree artistiche.

Sebbene gli affreschi sul soffitto della Cappella Sistina (Vaticano) siano probabilmente i più noti delle sue opere di oggi, l'artista pensò a se stesso principalmente come scultore, una volta ammesso di aver bevuto con il latte delle sue balie, l'amore degli utensili da taglio per la pietra pietra. Michelangelo ha lavorato nella scultura del marmo per tutta la sua vita e nelle altre arti solo in determinati periodi.

ISPIRAZIONE DIVINA
Era un uomo profondamente spirituale e credeva che la sua arte fosse divinamente ispirata. Per Michelangelo, gli strumenti dell'artista e la sua pietra sono strumenti della volontà divina e il processo creativo un aspetto di salvezza. Il concetto di genio come ispirazione divina, un potere sovrumano concesso a pochi individui rari e che agiscono attraverso di loro, non è mai stato più esemplificato che nella sua vita e nel suo lavoro.

I suoi contemporanei hanno parlato dell'uomo e delle sue opere con una sola parola: "terribilita", che significa fantastico. Non c'è mai stato un artista più letteralmente fantastico di Michelangelo: fantastico nello scopo della sua immaginazione e fantastico nella consapevolezza del significato - il significato spirituale - della bellezza. La bellezza era per lui divina; uno dei modi in cui Dio si è rivelato all'umanità. L'assoluta perfezione della sua esecuzione artistica è insuperata da qualsiasi altro artista che il mondo abbia mai conosciuto e spiega perché il suo lavoro sia così apprezzato.

LA RICERCA DI DIO IN BELLEZZA E BELLEZZA IN DIO
La ricerca di Michelangelo di Dio, il cui sublime proposito veniva rivelato nella bellezza della forma umana e il suo disinteresse verso qualsiasi soggetto, tranne la forma umana, che riteneva essere il supremo veicolo dell'espressione, lo condussero a uno studio intenso ed esaustivo del corpo umano. La sua convinzione che nulla che valesse la pena preservare senza il genio era accompagnato dalla convinzione che nulla poteva essere fatto senza uno studio perseverante. Così Michelangelo studiò la forma umana. Studiò gli antichi scultori che sapevano rappresentare il bel corpo umano in movimento, con tutti i suoi muscoli e tendini. Tuttavia, non era contento di apprendere le leggi dell'anatomia di seconda mano. Ha fatto le sue ricerche sull'anatomia umana, sui corpi dissecati e ha disegnato dei modelli fino a che la figura umana non sembrava avere più segreti per lui. Si sforzò con incredibile tenacia, con lo scopo di padroneggiare questo problema e dominarlo completamente fino a quando non si diceva che questo giovane artista non solo equivalesse ai famosi maestri dell'antichità classica, ma li superò.

LA PIETÁ
All'età di 23 anni, Michelangelo è stato incaricato da un cardinale francese di creare la Pietà per la Basilica di San Pietro in Vaticano come monumento sepolcrale. Si è recato nelle cave di marmo di Cararra, nel centro Italia, per selezionare il blocco da cui realizzare questa grande opera. La scelta della pietra era importante perché immaginava la statua già esistente nel marmo, che doveva essere solo "liberata" dal blocco stesso. Fu scolpito dal 1498 al 1500 e istituì immediatamente Michelangelo come il più grande scultore del suo tempo. La parola Pietà deriva dalla parola greca per "compassione" o "pietà" e non si riferisce, come spesso si presume a questo specifico lavoro (Michelangelo in realtà fece altri due Pietà più tardi nella vita, entrambi incompiuti) ma a un tipo tradizionale di immagine devozionale. Il tema di Maria che cullava il cadavere di Cristo in grembo era quasi sconosciuto in Italia prima che Michelangelo lo rendesse famoso in questa statua, ma era un punto fermo nel repertorio di scultori e pittori francesi e tedeschi. Michelangelo, tuttavia, ha reso il tema del nord in un modo mai provato prima o compiuto.

Giorgio Vasari, il primo storico dell'arte ha scritto:

"Sarebbe impossibile per qualsiasi artigiano o scultore, per quanto brillante, superare la grazia o il design di questo lavoro, o provare a tagliare e lucidare il marmo con l'abilità mostrata da Michelangelo. È certamente un miracolo che un blocco di pietra senza forma possa mai essere ridotto alla perfezione che la natura non è in grado di creare nella carne...".

Contributo inviato da LePietre.Srl

Attendere...