Sicuramente uno dei lavori più apprezzati degli ultimi tempi quello che Andrea Candolfo ha presentato ieri sera alla stampa. Un'anteprima a sorpresa, dopo due anni dall'ultimo lavoro discografico.

"In questo nuovo lavoro ho cercato di mettermi completamente a nudo cercando di raccontare gran parte delle storie d'amore più comuni, da quelle più semplici fino a quelle un po più complicate, mettendo in grande evidenza il significato della parola tempo. 

E' stato un lungo viaggio, come quasi la maggior parte dei miei lavori, ma finalmente eccoci qui. Gireremo il videoclip verso la fine di settembre, e dall'11 Ottobre in poi sarà per tutti."

Lo stile è il classico "Candolfo" che essenzialmente non delude mai, esplosione di archi, chitarre, tastiere, batterie e sintetizzatori iniziale per poi creare un vuoto dove solo la sua voce può arrichire il tutto.

"Cercami, non turbare adesso questa stupida paura d'amore,

Parlami nel silenzio adesso e non lasciare cadere il dolore."

Inciso molto orecchiabile. (Sarà veramente difficile non canticchiarlo per tutto il giorno).

Molto particolare anche lo special prima della chiusura del pezzo, dove il tempo ritorna ad essere protagonista principale del pezzo.

"Noi siamo un alibi perfetto contro il tempo che ormai ci ha perso" , la consapevolezza che ormai solo il tempo potrà dare le giuste risposte ad una storia ormai arrivata alla fine.

Singolo approvato a pieni VOTI.