L'ultimo bavaglio ideologico: certificato di antifascismo ai gazebi politici

L'ultimo bavaglio ideologico: certificato di antifascismo ai gazebi politici

Così titola il Giornale:
"L'ultimo bavaglio rosso, certificato di antifascismo per scendere in piazza.

Niente eventi pubblici senza certificato antifascista! È la novità introdotta dal comune di San Giuliano Terme nel regolamento Cosap, per la concessione degli spazi pubblici. L'obiettivo del centrodestra è impugnare il provvedimento per palese incostituzionalità: «Lo dice la stessa Carta, non si può vietare la libertà di riunione, di associazione e di pensiero. La sinistra, anziché pensare ai problemi reali, si diverte a giocare all'acchiappafantasmi, considerando il fatto che per 50 anni nel Parlamento antifascista ha avuto rappresentanza il Msi, che ha sempre avuto la disponibilità di spazi pubblici, ed ogni suo rappresentante è sempre stato democraticamente eletto».

Riflettiamo:

Anche in altre città italiane si sta approntando questa ILLEGITTIMA CLAUSOLA PALESEMENTE INCOSTITUZIONALE, ultima 'arma' delle sinistre per raccogliere consensi, visto che in tutti gli altri ambiti non ha credibilità tra gli italiani a causa della costante insicurezza lavorativa, a causa della criminalità, per non aver risolto i loro problemi reali!

Sperano, i vecchi compagni di prendere due voti dalle varie ANPI in virtù di un foglio di carta straccia, che è già stato impugnato da movimenti di destra e centrodestra, prendendo multe dai vigili che saranno dichiarate illegittime dopo i consueti ricorsi.

Mai si era arrivati a dover essere minacciati di firmare un MODULO IDEOLOGICO (di qualunque ideologia) per disporre di un banchetto o gazebo "politico", nella richiesta di occupazione di suolo pubblico! Evidentemente, si deve CRIMINALIZZARE chi ha le idee A CUI GLI ITALIANI porterebbero il loro VOTO, visti gli insuccessi degli ultimi GOVERNI!

Quindi, non bisognerà sorprendersi se tra poco ci sarà richiesto di firmare di essere pro aborto, pro ius soli, pro matrimonio gay, a favore della droga o di qualsiasi altra cosa purché ritenuta legittima da chi concederà una autorizzazione per manifestare la propria idea politica.

Oggi, si rischia di essere considerati "fascisti" per essere a favore di un modello "tradizionale" riguardo famiglia ed educazione dei figli, per essere contro l'aborto, contro l'immigrazione incontrollata, per andare a messa... insomma per qualsiasi convinzione che non sia condivisa dalla sinistra!

altrastampa
nella categoria Politica
Attendere...