Finalmente si è concluso l’iter burocratico di assegnazione della piscina comunale per il prossimo triennio alla nuova società, la “Asd Sporting club San Giovanni Milazzo”, che ha anche provveduto al deposito della fideiussione. Oggi, alla presenza del Sindaco Midili e dell’Assessore allo sport Nicosia, è stato firmato il contratto di concessione dell’impianto sino al settembre 2025.

Il canone, che dovrà essere versato annualmente al Comune, ammonta a 14.630 euro. Il nuovo gestore, che nella gara, svoltasi nel 2013, si era classificato al secondo posto, e che, per questo, è stato interpellato dal Comune, ha dovuto accettare l’impianto nello stato di fatto, in cui si trovava e ad assumere ogni onere e responsabilità riguardo a permessi, autorizzazioni e quant’altro necessario sotto il profilo amministrativo, sanitario e tecnico» per il funzionamento della piscina stessa.

Ora l’obiettivo è poter riaprire, quando l’emergenza Covid-19 lo consentirà, l’accesso a tutti i milazzesi e ai residenti del comprensorio, che in passato frequentavano questo impianto. La chiusura della piscina comunale ha privato oltre 200 atleti e 3 società sportive della possibilità di praticare la disciplina del nuoto, costringendoli a recarsi in altre strutture del comprensorio con evidenti disagi logistici.

L’Amministrazione comunale, preso atto dell’impossibilità di riavere, almeno nel breve periodo il CCR di contrada Masseria sotto sequestro giudiziario, ha deciso di trovare un’alternativa e con delibera di Giunta ha approvato uno schema di contratto per la locazione di un’area destinata alla sosta tecnica per le operazioni di trasbordo dei rifiuti urbani provenienti dal territorio comunale, di proprietà della società autotrasporti Fratelli Saccà s.r.l., un intervento ritenuto necessario per garantire – si afferma – una corretta  gestione del servizio integrato d’igiene urbana ed evitare poi il profilarsi di problematiche igienico-sanitarie.

L’area dovrà essere funzionale “alle concrete operazioni di sosta tecnica dei mezzi utilizzati per il servizio di igiene urbana, con eventuale trasbordo gomma su gomma dei rifiuti urbani, non configurandosi comunque alcuna ipotesi di stoccaggio di rifiuti”. Avviato l’iter procedurale, la società interpellata ha comunicato la propria disponibilità alla locazione dell’area individuata impegnandosi alla realizzazione degli interventi di adeguamento dell’area così come richiesto dal Comune.

Ora il dirigente del settore Ambiente Tommaso La Malfa dovrà procedere alla sottoscrizione del contratto di locazione.