Magolamagamagia e abracadabra ovvero l'arte magica del neo ministro Bussetti

Magolamagamagia e abracadabra ovvero l'arte magica del neo ministro Bussetti

Mentre l'enigmistica è l'arte che si occupa, genericamente, dei giochi enigmatici, l'enimmografia, invece, è più specificatamente l'arte di comporli; enimmofilo o enigmista è colui che s'interessa dei giochi, sia spiegandoli che scrivendoli; solamente... chi si occupa di enigmistica in genere si dice anche sciaradista, mentre il crittografo è chi in special modo si occupa di rebus... (fonte Treccani, leggermente da me modificata)


Navigando sul sito della Camera (iperbarica) e poi nelle ricerche avanzate del Senato, mi sono imbattuto in questo disegno di legge S. 296, firmatari diversi onorevoli senatori enimmofili o enigmisti; copio il link così provate a risolvere per vostro conto l'enigmatico ddl.
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/DDLPRES/0/1067648/index.html?part=ddlpres_ddlpres1
DISEGNO DI LEGGE S. 296 dal titolo - Modifiche al decreto legislativo n. 504 del 1992 e alla legge n. 62 del 2000 in materia di esenzione dall'imposta municipale propria (IMU) per le scuole paritarie -

Primo importantissimo enigma risolto ( chi sussurra al ministro?...) riguardante la sua sparata iniziale, alla prima uscita da neo ministro dell'istruzione. Cosa dice? "Priorità alle scuole paritarie". Marco Bussetti, alla prima occasione, mica ha avuto l'accortezza, la gentilezza di aspettare qualche minutino... assolutamente no!... ma vi va di scherzare?
 
Quando si tratta di privilegi economici, vantaggi fiscali, monete d'oro, il Govvy, con l'aiuto di "magolamagamagia" o di un "abracadabra" li trova subitissimo... le monete d'oro per finanziarli... i privati e le loro associazioni private... con fondi pubblici... e per questi privati ci sono sempre e per sempre... come pure le monete d'oro per i fondi creati ad hoc con "magolamagomagia!"
 
Per i poveracci, invece, per le scuole pubbliche, per le miniere nazionalizzate...  non ci sono monete neanche per comprare i gessetti... gessetti che tra l'altro dovrebbero comprare le scuole pubbliche con i danari pubblici... e spesso invece i soldi sono quelli dei privati cittadini, ovvero gli iinsegnanti. Quindi, per intenderci, per i pubblici servizi nisba! Niente dindi, niente cucuzze d'oro, né per l'insegnanti né per i gessetti. Poveri insegnanti senza monete d'oro e senza gessetti... spariti con un "abracadabra"!

Il neo ministro Bussetti alla prima uscita... eh! bu... bu... settete... cu cu settete..: "priorità alle scuole paritarie" - Corriere della Sera - 11 giugno 2018 e inoltre
anche su quest'altro link https://www.tecnicadellascuola.it/chi-sussurra-al-ministro-bussetti-le-scuole-paritarie-o-chi-altro
 
Ed eccolo! subitissimo! Già pronto!, il progetto di legge, il ddl S. 296 dove all' "Art. 3.
(Copertura finanziaria)  potete leggere:
"1. All'onere derivante dalla presente legge, pari a 500 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione, di cui all'articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190."
Per leggere il testo completo del DDL vi rimando al link seguente:
http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/DDLPRES/0/1067648/index.html?part=ddlpres_ddlpres1
 
Avete capito come, con la magolamagamagia della maga Chappy, come si  trovano subitissimo le monete d'oro? Basta poco... che ce vo'?  Con un abracadabra o una magolamagamagia i quattrini si trovano subitissimo...
 
Ma 'ste monete d'oro? In realtà, in questo fumoso fondo per esigenze indifferibili ci sono o non ci sono? E nel prossimo futuro non sarà mica previsto un eventuale... elemento sperequativo... come è stato previsto per pochi docenti? Oppure nessun elemento sperequativo per l'IMU delle paritarie?
 
Allora,  per capirci di più ho approfondito la mia ricerca e toh... l'enigma si è fatto sempre più intricato, si è complicato. Perché? E se tale documento fosse in vigore? Se tale dossier fosse vero, come si dice, a legislazione vigente?
 
Fondo esigenze indifferibili in corso di gestione
Cap.3076/MEF                                      2017                 2018          2019
Bilancio a legislazione vigente             985,5                519,2           22,6 mil.
Rifinanziamento ddl iniziale                 300,0                300,0          300,0 mil.
del Governo
De finanziamento II Sezione               -965,5              -499,2           -12,6 mil.
Variazioni approvate alla Camera       -236,05           -208,25         -194,6 mil..
Dotazione ddl di bilancio 2017-2019      83,95            111,75           115,4 mil..
 
Se tale documento iperbarico fosse in vigore... allora fatevi quattro conti... perché a me i conti non mi tornano più...
 
Allora proviamo a fare una nuova ricerca... e cercando e ricercando... cù cù settete!... e bubusettete!... ho trovato altro dossier, Legislatura 17ª - Dossier n. 560 I -, ecco il link
https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DOSSIER/0/1048777/index.html?part=dossier_dossier1-sezione_sezione13-h2_h2143&spart=si
Articolo 92
(Fondo esigenze indifferibili in corso di gestione)
"... omissis... Nel bilancio di previsione per il 2018, il relativo capitolo di bilancio (cap. 3076) presenta una dotazione di 604,8 milioni di euro per il 2018, 334,5 milioni per il 2019 e 358,8 milioni per il 2020."
 
In questo link il documento completo, A.S. n. 2960 Legge di bilancio 2018:
https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DOSSIER/0/1048777/index.html?part=dossier_dossier1
 
Stiamo parlando sempre dello stesso fondo del cactus!... ci state capendo qualcosa?
"Tale fondo, istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze dall’articolo 1, comma 200, della legge 29 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità per il 2015)"
 
Avete capito come vanno e vengono 'ste pepite d'oro?... in 'sti fondi? Come il Govvy con la maga Chappy... usa a suo piacimento le nostre, di "ciappy"... e come il Govvy in un battibaleno trova i denari... ma le chiappe e le monete d'oro, lo sapevate che sono le nostre?... e che il Govvy ci raggira e ci frega ve ne siete accorti?... Ma vada via "ICIAP"!...  Govvy del cactus!...
 
Quindi, in soldoni, 'sti 500 milioni di monete d'oro per il 2019 in questo cactus di fondo, per ridurlo, ci sono o non ci sono?
 
Perché ancora una volta i conti, quando di mezzo ci sono il Govvy (il Gatto) e la Volpe (I Sindacattoni) - parlo di quelli firmatari del contratto sperequativo, dove addirittura il 20 giugno la gazzetta ufficiale sosteneva che anche lo Snals avesse firmato, ma ciò non corrisponde al vero -  dicevo, quando ci sono loro due, purtroppo per noi, i conti non tornano mai... e stavolta non sono tornatati manco per la Gazzetta Ufficiale.

In definitiva, riassumendo, se il ddl S. 296 venisse approvato così com'è, stanzierebbe 500 milioni di monete d'oro per l'esenzione dall'imposta municipale propria (IMU) per le scuole paritarie e che "All'onere derivante dalla presente legge, pari a 500 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo... (FEI) Fronte Esigenze Indifferibili... omissis..."
 
Ma poi, quando si legge l'art. 92 si scopre che: - "Nel bilancio di previsione per il 2018, il relativo capitolo di bilancio (cap. 3076) presenta una dotazione di 604,8 milioni di euro per il 2018, 334,5 milioni per il 2019 e 358,8 milioni per il 2020."
 
Quindi, la domanda nasce spontanea: sono soltanto previsioni da indovini? Cioè: - si possono ridurre, 500 milioni dal fondo (FEI) a decorrere dall'anno 2019, quando il relativo capitolo di bilancio (cap. 3076) presenta una dotazione di 334,5 milioni per il medesimo anno?  Sì oppure no?
 
Perché i conti ancora non mi tornato, perché mancherebbero 50 milioni! 500 - 449.9 = -50,1 secondo i miei calcoli... renali!

Manlio Amelio
 
Categoria Economia
Attendere...