Licenziato il decreto del governo per la dignità dei lavoratori, degli imprenditori e dei cittadini. Ecco cosa contiene...

Licenziato il decreto del governo per la dignità dei lavoratori, degli imprenditori e dei cittadini. Ecco cosa contiene...

«Non voglio fare proclami, enfatizzare troppo...» ha detto Di Maio annunciando il provvedimento definito "decreto dignità". E meno male... perché dopo ha detto «io non posso descrivervi l'emozione per quello che abbiamo fatto in Consiglio dei Ministri»... a partire dalla «Waterloo del precariato»!

Il problema di Di Maio e della sua non troppa enfasi mal mascherata era quello di far vedere agli elettori dei 5 Stelle che anche il Movimento qualcosa stava iniziando a fare, per poter contrastare la propaganda della Lega che con i migranti, a costo zero, è riuscita nei sondaggi a superare i 5 Stelle e a rendere marginali le altre forze della coalizione di centrodestra.

Che cosa sia questo decreto è presto detto. Si può riassumere in una serie di norme che tra loro apparentemente non paiono avere un comune denominatore, in contraddizione con le indicazioni date in passato dalla presidenza della Repubblica, per far credere agli elettori che le loro condizioni adesso miglioreranno sensibilmente.

Vediamo come.

- Limitando l’utilizzo dei contratti di lavoro a tempo determinato, favorendo così quelli a tempo indeterminato, scrive il governo, dimenticandosi però che i contratti di lavoro a tempo indeterminato non esistono. Esistono quelli permanenti che continuano ad essere a tempo determinato per tre anni e che, nel caso un lavoratore non venga licenziato prima, alla scadenza avrà il 50% di possibilità di essere mandato a casa oppure, solo allora, di essere assunto a tempo indeterminato.

- Salvaguardando i livelli occupazionali e contrastando la delocalizzazione delle aziende che abbiano ottenuto aiuti dallo Stato per impiantare, ampliare e sostenere le proprie attività economiche in Italia.
Ma anche in questo caso, la delocalizzazione non sembra fermarsi. Infatti, ad esempio, la multinazionale statunitense di articoli biomedicali Invatec Medtronic ha annunciato la dismissione dei due stabilimenti bresciani entro il 2020. Situazione analoga, solo per fare un altro esempio, alla Salvi del gruppo francese Sicame.

- Contrastando il grave fenomeno della ludopatia, con il vietare la pubblicità di giochi o scommesse con vincite in denaro.
E le slot nei bar e i mini casinò sparsi come funghi in tutta Italia non sono più dannosi per la ludopatia rispetto alle pubblicità che invitano a scommettere, per lo più, sulle partite di calcio?
Il divieto di pubblicità non si applicherà ai contratti pubblicitari attualmente in vigore, secondo Agipronews. Inoltre, sono escluse dal divieto le lotterie nazionali come la Lotteria Italia e i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

- Introducendo misure di semplificazione fiscale, con la revisione del redditometro in chiave di contrasto all’economia sommersa, il rinvio dello spesometro, nonché l’abolizione dello split payment per le prestazioni di servizi rese alle pubbliche amministrazioni dai professionisti.
Tutti provvedimenti che per opposizioni e parti sociali sono da considerare come un chiaro messaggio di arretramento alla lotta all'evasione.

Nel pomeriggio di martedì, nella Sala Stampa di Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, insieme a Luigi Di Maio e al sottosegretario Giorgetti hanno presentato il decreto dignità in una conferenza stampa organizzata ad hoc.


Nella conferenza, Conte ha dato un senso al nome del decreto "dignità" spiegando che «caratterizza il nostro indirizzo politico in materia economica e sociale, intitolato al recupero della dignità dei lavoratori, degli imprenditori e dei cittadini.»

Evviva!

Categoria Economia
Attendere...