Lo scandalo degli abusi sessuali sui minori perpetrati da persone appartenenti ai testimoni di Geova ha interessato le pagine di molti media internazionali. Dagli Stati Uniti all’Australia, passando per Gran Bretagna, Olanda, Belgio, sono spuntate storie di bambini abusati, di mancate denunce e di vicende taciute alle autorità giudiziarie da parte degli anziani della comunità, una "pratica" peraltro comune ad altre congregazioni e confessioni religiose. 

Nella sola Australia, per esempio, sono stati individuati numerosi episodi di abusi sui minori non denunciati alla magistratura nel corso degli ultimi anni. Perfino Geoffrey Jackson, membro del corpo direttivo della Watch Tower, uno dei massimi capi dei testimoni di Geova, ha dovuto ammettere davanti alla Commissione d’inchiesta australiana che il problema nell’organizzazione esiste e che le procedure adottate fino ad allora non si sono rivelate efficaci.

Negli Stati Uniti la pedofilia tra i testimoni di Geova è stata particolarmente sentita e ha spinto la magistratura a emettere condanne pesantissime. La più significativa è avvenuta in California, dove un tribunale ha obbligato l’organizzazione a versare 28 milioni di dollari a Candace Conti, una Testimone abusata  da un "fratello" quando aveva 9 anni. Durante il processo, la giovane si alzò più volte in piedi in aula per incoraggiare altre “sorelle” a denunciare gli abusi sessuali che subivano nelle congregazioni senza temere di essere scomunicate per aver gettato discredito sull’organizzazione.

I testimoni di Geova adottano verso la pedofilia una politica di ispirazione biblica che prevede una gestione privata dei casi di abuso. Le accuse vengono valutate da un comitato di anziani e devono essere supportate da due testimoni che confermino la verità o dalla confessione dello stesso colpevole. Ma non esiste l’obbligo di denunciare tutto alle autorità. Anzi, spesso sono gli stessi anziani a fare pressioni sulle vittime per impedire che denuncino l’accaduto.

Un ex anziano della comunità, infatti, racconta: “Ai testimoni viene insegnato ad aspettare Geova. Così anche se subiscono un torto devono rimanere in silenzio e sopportare finché il loro Geova non raddrizzerà i torti a tempo debito. Parlare e cercare giustizia prematuramente sarebbe una violazione della Sua volontà. In altre parole, devi tenere la bocca chiusa e proteggere la reputazione dell’organizzazione. E questo non è proprio un bene, dato che il loro Geova è notoriamente taciturno su tali questioni e, nel frattempo, vengono distrutte delle piccole vite”.

Sull’onda degli scandali venuti allo scoperto in varie parti del mondo, adesso si è scoperto che anche in Italia esiste questo problema. Molti testimoni di Geova, infatti, hanno raccontato ai giornali storie di abusi sessuali sui minori perpetrati dai confratelli e occultati dagli anziani. Le vicende riguardano soprattutto bambini e ragazzi di età compresa tra 10 e i 18 anni. Alcuni hanno raccolto numerose confidenze fatte da donne che in giovane età dicono di essere state abusate dai fratelli in alcune congregazioni italiane e che, dietro pressioni degli anziani, non hanno avuto il coraggio di sporgere denuncia.

Tempo fa anche Le Iene avevano raccolto la testimonianza di un ex testimone di Geova che, venuto a conoscenza di un abuso sessuale ai danni di un bambino, aveva cercato di convincere gli anziani della congregazione a presentare denuncia. Dinanzi al loro rifiuto, raccontò di essersi rivolto personalmente ai carabinieri per segnalare l’accaduto. Per tutta risposta, fu espulso con l’accusa di aver creato divisioni tra i fedeli.

Le cose, però, ultimamente sono cambiate. Dopo le pesanti critiche giunte dall’opinione pubblica e le esemplari condanne inflitte dalla magistratura, l’organizzazione oggi accetta che la vittima di un abuso sessuale possa denunciare l’accaduto alle autorità.