Il progetto Emago, fare musica con i suoni della terra

Il progetto Emago, fare musica con i suoni della terra

Anche la terra "suona" ed è sulla base di questa di questa evidenza scientifica che nasce il progetto EMAGO, un concerto che nasce dai suoni della terra, dove i musicisti improvvisano in diretta sulle frequenze emesse dalla Terra, catturate grazie ad una tecnologia usata per effettuare indagini geofisiche.

Tutto nasce dall'incontrlo del compositore e musicista Michele Villetti con il geofisico e geologo Antonio Menghini, il quale è riuscito a trasformare i dati geofisici in frequenze sonore e successivamente in note musicali.

Questo connubio di arte e scienza ha così dato vita al progetto EMAGO, il primo spettacolo scientifico-musicale che trasforma i dati geofisici in note musicali che poi verranno rielaborati e suonate da Michele Villetti e da musicisti ed ensemble di spessore artistico.

I musicisti e i compositori, interagendo con il suono specifico proveniente dal luogo dell’evento, danno vita a un nuovo tipo di "land art" sperimentando sul solco dell’ambient music, della musica concreta o contemporanea... una sfida nel misurarsi con una colonna sonora fornita dal contesto geologico-naturale.

Il progetto gode del Patrocinio del Conservatorio di Musica Santa Cecilia, la scuola di musica più importante di Roma.



IL TEAM TECNICO
Matteo Pelorosso: geologo, lavora presso S.Te.G.A. Si occupa dell'acquisizione dei dati per la sonificazione

Stefano Floris, geometra, lavora presso S.Te.G.A., uno studio associato italiano che utilizza il metodo EM per scopi applicativi, che vanno dalla ricerca d'acqua all'ingegneria, dalle caratterizzazioni ambientali al termalismo.


IL TEAM ARTISTICO
The Art Republic Foundation Studio, una fucina di talenti e un laboratorio dove si produce e si sperimentano nuove concezioni artistiche, figlie della Repubblica delle Arti. Un insieme di professionisti del mondo dello spettacolo e della comunicazione che lavorano a diversi progetti sfruttando la creatività e le competenze di ognuno.

Michele Villetti, batterista percussionista compositore italiano. Vanta collaborazioni con importantissimi musicisti internazionali come Delmar Brown, Archie Shepp, Ben Riley, Karl Potter e molti altri. nel 2013 viene premiato come miglior batterista italiano al Roland National v drum, onorificenza che lo ha portato a rappresentare l’Italia nel medesimo Roland world drum awards nella prestigioso festival del Frankfurt musik Messe.
Nel 2014 esce il suo primo disco da solista. Seguendo le ombre di Mike Oldfield, Villetti concepisce i suoi brani suonandoli quasi tutti in solitaria. il disco é interamente autoprodotto e contrario alle tipologie dell’ industria culturale. MASILEYO, SOUNDTRACKS FOR A REAL LIFE (questo il titolo del suo lavoro) è reperibile nei maggiori music store del web. Da ricordare che da un anno dal suo esordio, MASILEYO è trovato per oltre un anno nella classifica ” best sellers” di Itunes, ricevendo il plauso della critica, nella quale va ricordata inoltre la considerazione del maestro Ennio Morricone, il quale lo ha definito "un eccellente lavoro".

Giulia Selvaggini, fotografa e filmmaker, si è ritagliata uno spazio di grande notorietà a livello nazionale, essendo selezionata per il trailer del progetto “Italy in a day” film collettivo curato da Gabriele Salvatores. Nella vita di tutti i giorni, realizza video aziendali e musicali, e wedding film per eventi e matrimoni.

Riccardo Scorsino, lavora da oltre venti anni come fonico, tecnico audio e luci per palchi e spettacoli artistici. Perito elettrotecnico si occupa inoltre della supervisione dei "pedalone", alimentazione ecosostenibile nel progetto Emago.

 

Attendere...