Dossier sull'ammiraglio De Giorgi, avrebbe dilapidato soldi pubblici abusando del proprio ruolo

Dossier sull'ammiraglio De Giorgi, avrebbe dilapidato soldi pubblici abusando del proprio ruolo

Questa volta non è un'intercettazione, ma un dossier ad inguaiare l'ammiraglio Giuseppe De Giorgi già finito, suo malgrado, nell'inchiesta che ha coinvolto Gianluca Gemelli.

E forse è stata proprio quell'inchiesta a spingere l'anonimo redattore a redigere o a spedire l'incartamento che descrive l'ammiraglio come uno spendaccione che ha scambiato il suo ruolo come un mezzo per celebrare se stesso e i suoi capricci... con i soldi dello Stato!

Tanto per esser certi che non finisse in qualche cassetto, il dossier redatto da un anonimo è stato inviato alla magistratura, alla Presidenza del Consiglio e al ministero della Difesa.

Che cosa contiene?

Per prima cosa ci sono due storie che descrivono le modalità tutte personali con cui De Giorgi gestirebbe l'allestimento della flotta della Marina.

La prima riguarda l'allestimento di una fregata nei cantieri di Fincantieri nei pressi di La Spezia. De Giorgi non soddisfatto della ripartizione degli spazi destinati ad ufficiali ed equipaggio, avrebbe imposto, a voce, una revisione del progetto che doveva essere messa in atto immediatamente. Gli ordini sono ordini e sono stati eseguiti, anche se le pratiche a supporto vennero poi comunque redatte in tutta fretta. Però, la ristrutturazione voluta da De Giorgi sarebbe costata circa 40 milioni di euro!

La seconda storia riguarda un mezzo fantascientifico che dovrebbe  avere una capacità di carico di oltre 35 tonnellate, una lunghezza di trenta metri e raggiungere, a pieno carico, l'incredibile velocità di 70 nodi. Il mezzo sarebbe destinato al trasporto di squadre di incursori. Fin qui nulla da eccepire, senonché l'affidamento dell'imbarcazione sarebbe stato assegnato ad un'azienda che non pare  avere competenze su questo tipo di prodotto e soprattutto, senza alcuna gara... Procedura piuttosto insolita per un appalto da 30 milioni di euro.

Oltre a questi fatti, il dossier riporta storie di cene luculliane, cerimonie sfarzose ed inutili, l'uso improprio di elicotteri e aerei, nella disponibilità dell'ammiraglio, una volta  diventato  capo delle Forze Aeree della Marina. 

Al momento non sono ancora state rese note dichiarazioni di chiarimento o di smentita da parte dell'ammiraglio De Giorgi.
In compenso, però, sul sito della Marina Militare, riguardo questa vicenda è stato pubblicato un comunicato stampa di precisazione relativo alle informazioni riportate dagli organi di stampa in merito ad un presunto dossier anonimo riferito al Capo di Stato Maggiore della Marina che smentisce ufficialmente i fatti riportati nel dossier, fornendo, dove necessario, delle spiegazioni al riguardo.

Marzio Bimbi
nella categoria Cronaca
Attendere...