Il Consiglio comunale, riunitosi per l’ultima volta, ha dovuto approvare, perché in scadenza il 30 settembre, il piano economico-finanziario dei costi gestione rifiuti anno 2020 e le tariffe, ai fini della tassa rifiuti (Ta.Ri.), sempre relativa all’anno in corso: si tratta d’un servizio che, a causa dei trasferimenti obbligati fuori provincia o meglio in un sito estremo come Alcamo, costerà ai cittadini quasi dieci milioni di euro.

Ad approvare la proposta di delibera nove voti consiglieri (Bagli, Alesci, Abbagnato, Manna, Spinelli, Coppolino, Foti, Puliafito e Italiano) su sedici presenti. Si sono astenuti in sette: Magliarditi, Piraino, Formica, Russo Lydia, Russo Francesco, Sindoni e Nanì.

Diversi gli interventi prima della votazione con quasi tutti i presenti, che nel premettere che l’adozione della delibera di approvazione delle tariffe, ai fini della tassa sui rifiuti, è atto dovuto, hanno sottolineato che questa sarebbe dovuta arrivare in anticipo e non proprio alla fine del mandato per consentire al civico consesso di poter eventualmente apportare modifiche con emendamenti, fermo restando il costo complessivo del servizio.

Si sarebbe, è stato rilevato, cioè potuto operare delle ripartizioni con interventi particolari in modo più equo, a salvaguardia dei contribuenti meno abbienti.